Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 ott 2021

Salvini-Meloni, abbracci di pace "Vinciamo per governare insieme"

Baci e selfie tra i due leader per smentire le crisi. Ma si teme per le sfide più importanti: Milano e Roma

2 ott 2021
antonella coppari
Cronaca
Il film dell’abbraccio tra il leader della Lega, Matteo Salvini, 48 anni, e la numero uno di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, 44
Il film dell’abbraccio tra il leader della Lega, Matteo Salvini, 48 anni, e la numero uno di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, 44
Il film dell’abbraccio tra il leader della Lega, Matteo Salvini, 48 anni, e la numero uno di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, 44
Il film dell’abbraccio tra il leader della Lega, Matteo Salvini, 48 anni, e la numero uno di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, 44
Il film dell’abbraccio tra il leader della Lega, Matteo Salvini, 48 anni, e la numero uno di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, 44
Il film dell’abbraccio tra il leader della Lega, Matteo Salvini, 48 anni, e la numero uno di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, 44

di Antonella Coppari L’abbraccio, infine. Dopo la pochade dell’appuntamento mancato, Salvini e Meloni provano a metterci una pezza. A Spinaceto, periferia sud della capitale, dove il centrodestra si è dato appuntamento per scrivere la pagina finale della campagna di Enrico Michetti, fioccano baci, sorrisi e selfie. "Siamo destinati a governare insieme", dice a fotografi e cameramen Matteo abbracciando Giorgia e sollevandola da terra. "Non stiamo insieme per interesse come a sinistra", rilancia lei. In coro denunciano un "clima di veleni mai visti", con la mente rivolta agli scandali che hanno coinvolto entrambi i gruppi. Fuori dalle inquadrature resta Tajani: "Antonio, ora facciamo una cosa a due. Le cose a tre le facciamo più tardi", chiosa il Capitano. L’effetto scenico della riconciliazione è un po’ rovinato dal fatto che arriva all’ultimo secondo e, soprattutto, dall’endorsement che qualche giorno fa il leghista Giorgetti ha fatto a Calenda: "Ha le caratteristiche giuste per governare Roma". Malgrado i pronostici favorevoli in Calabria ("con Occhiuto, la regione riprenderà il suo sogno", assicura Berlusconi) e a Trieste, di unitario in questo momento nel centrodestra c’è poco: l’attenzione è concentrata sulla conta interna. Per la Lega il momento è durissimo. I rischi maggiori li corre proprio nella sua roccaforte, quella Milano da cui Bossi fece partire l’avventura del Carroccio. Una vittoria di Sala al primo turno avrebbe un effetto travolgente, ma le cose sarebbero messe ben peggio se la Meloni dovesse prendere mezzo voto in più. Finora la base dei rapporti tra i due partiti era quella divisione territoriale (Lega egemone al Nord, Fd’I al Sud) che Salvini puntava a rompere conquistando quote in Mezzogiorno. Le urne diranno se quel progetto è da archiviare come pensano Giorgetti e Zaia. Ma se a piantare la sua bandierina sul Duomo fosse Fd’I i guai diventerebbero ben più seri. Mettiamo pure che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?