28 feb 2022

Rughe, capelli bianchi e acciacchi Col Covid siamo invecchiati prima

Uno studio americano: alcuni pazienti anche dopo la guarigione continuano ad avere stress infiammatori. Otto persone su dieci lottano ancora contro il virus anche dopo mesi: e forse non lo sanno

alessandro malpelo
Cronaca
Tra gli effetti del long Covid c’è anche l’invecchiamento precoce: lo dice uno studio pubblicato sulla rivista Nature
Tra gli effetti del long Covid c’è anche l’invecchiamento precoce: lo dice uno studio pubblicato sulla rivista Nature
Tra gli effetti del long Covid c’è anche l’invecchiamento precoce: lo dice uno studio pubblicato sulla rivista Nature

di Alessandro Malpelo Invecchiamento precoce, l’ultima beffa del Coronavirus. Di punto in bianco ecco spuntare le rughe e i capelli grigi, dolori alle ossa e confusione in testa. Scende l’indice di contagiosità, ma gli strascichi del lockdown si fanno sentire. Un editoriale sul New York Times parla apertamente di burnout da pandemia, un cedimento fisico marcato. Nei giovani si riscontra più di frequente apatia e perdita di interessi, qualcosa di più del semplice long-Covid. Anche in Italia si analizza il fenomeno: oggi ne parlano i microbiologi clinici riuniti a congresso con la loro associazione, Amcli, a Rimini. Vari atenei in Italia indagano i report, da angolature diverse. I SEGNALI DA NON SOTTOVALUTARE L’Università dell’Insubria, a Varese, ha valutato i livelli di biomarcatori nei convalescenti. "Le nostre analisi - ha dichiarato Francesco Gianfagna, professore associato di igiene e medicina preventiva - mostrano che dopo la risoluzione dell’infezione virale possono restare in atto dei processi infiammatori, anche in assenza di sintomi. Questa flogosi non risolta sembra incrementare la risposta anticorpale". Ricercatori dell’Ospedale San Raffaele di Milano, avvalendosi della risonanza magnetica nucleare, hanno confermato il legame tra elevati livelli di infiammazione durante il Covid-19 e l’emergere, a mesi di distanza, di sintomi e alterazioni tipiche del disturbo da stress post-traumatico. Una terza citazione riguarda il binomio Covid e Aids. Sono malattie molto diverse, ma secondo gli infettivologi i virus che le provocano hanno in comune un comportamento poco simpatico: imprimono un’accelerazione ai processi di invecchiamento. "L’Hiv – ha scritto Giovanni Guaraldi, infettivologo e docente all’Università di Modena e Reggio Emilia – è un modello raffinato di accelerazione del fenomeno dell’invecchiamento e tra gli effetti della pandemia abbiamo osservato anche il Post Acute Covid Syndrome (Pacs), anche questo un fenomeno di invecchiamento della persona, come si evince dal riscontro empirico in molti pazienti che dopo il Covid ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?