5 mag 2021

Rivolta (folle) contro AstraZeneca. Due milioni di dosi restano in frigo

Sanitari aggrediti a Napoli: dateci Pfizer o Moderna. Ma così si mette a rischio la campagna vaccinale

alessandro farruggia
Cronaca
epa09149612 A medical worker prepares a dose of vaccine Vaxzevria (previously COVID-19 Vaccine AstraZeneca) during the beginning of the mass vaccination in the center at the 'Juan Antonio Samaranch' Olympic Hall in Sarajevo, Bosnia and Herzegovina, 21 April 2021. Sarajevo Kanton received more than 10,000 doses of vaccines for the vaccination of people in Sarajevo.  EPA/FEHIM DEMIR
epa09149612 A medical worker prepares a dose of vaccine Vaxzevria (previously COVID-19 Vaccine AstraZeneca) during the beginning of the mass vaccination in the center at the 'Juan Antonio Samaranch' Olympic Hall in Sarajevo, Bosnia and Herzegovina, 21 April 2021. Sarajevo Kanton received more than 10,000 doses of vaccines for the vaccination of people in Sarajevo.  EPA/FEHIM DEMIR
Astrazeneca

Il fantasma AstraZeneca aleggia sulla campagna vaccinale. Pienamente abile e arruolato per gli over 55, il vaccino anglo-svedese sconta le giravolte autorizzative delle autorità nazionali (prima riservato agli under 60, poi a tutti gli over 18, poi bloccato per indagare su un limitatissimo aumento dei casi di trombosi, poi autorizzato per gli over 60) che fatalmente hanno prodotto una diffidenza in fasce della popolazione. Che era latente in diverse regioni del Sud, Sicilia in primis, ieri è esplosa con una clamorosa protesta di alcune decine di persone convocate con altri 4mila ultrasessantenni all’hub vaccinale della Mostra d’Oltremare di Napoli. "Diversi utenti – ha denunciato l’ASL Napoli Centro – una volta definita l’accettazione, hanno pretese la somministrazione di Pfizer o Moderna, rifiutando il vaccino AstraZeneca, pur in assenza di motivi validi". I medici si sono opposti, sono volati insulti e minacce, e il direttore generale dell’ASL ha chiesto l’intervento della polizia per sedare le proteste. Così è stato, dopodiché la direzione sanitaria dell’ASL ha ribadito che "non ci saranno deroghe e nessuna eccezione" alle vaccinazioni con vaccini previsti. Ma la scarsa accettazione dell’AstraZeneca è un problema. Sono 250mila le dosi di AstraZeneca ancora non utilizzate e conservate nei frigoriferi in Sicilia. E non c’è solo la Sicilia. In tutta Italia, su un totale di 3.572.061 dosi di shots a disposizione, 2.039.973 sono di Vaxzevria (57,1%): del vaccino dell’azienda anglo-svedese sono state somministrate finora solo il 69% delle dosi consegnate (che sono 6.565.080). Di queste due milioni di dosi, una parte deve comunque essere tenuta da parte: la settimana prossima cominceranno i richiami per chi è stato vaccinato a metà febbraio, ma anche esaurendo tutte le seconde dosi ne resterebbero fuori oltre 500mila. C’è un rischio che questo rallenti la campagna vaccinale? Al ministero della Salute non lo si ritiene un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?