Maxi rissa a Roma (Ansa)
Maxi rissa a Roma (Ansa)

Roma, 12 dicembre 2020 - Una nuova rissa tra giovanissimi si è scatenata a Roma, dopo quella maxi al Pincio di sabato scorso. E tensioni tra ragazzini si registrano anche a Venezia. Nella capitale, sempre nei pressi di villa Borghese, vicino a piazza di Siena, due gruppi si sono fronteggiati e picchiati verso le 13 di oggi. La polizia è intervenuta e ha fermato 10 minorenni (il più grande ha 14 anni), la loro posizione è al vaglio. 

Gli investigatori stanno anche cercando di capire se vi è un collegamento con i fatti di sabato 5 dicembre, quando nel cuore di Roma, nel tardo pomeriggio, centinaia di ragazzini si erano affrontati sulla terrazza del Pincio, molti senza mascherine. Lo scontro era stato testimoniato da vari video finiti sui social: nelle immagini si vedevano volare pugni e spintoni tra centinaia di giovani. I carabinieri erano riusciti a identificare subito alcuni dei presenti, ma la gran parte era riuscita a fuggire: 300 erano finiti in piazza del Popolo, mentre altri avevano continuato a picchiarsi in una fermata della metro. Il bilancio è stato di tre minorenni indagati e, attraverso i social, gli investigatori alla fine sono riusciti a identificare quasi tutti i partecipanti. Alla base della rissa di sabato scorso ci sarebbero vecchi dissapori per il furto di un cellulare. Il raduno per 'chiarirsi' era stato organizzato via social. 

A Venezia invece questa sera una quarantina gli adolescenti sono stati protagonisti di una maxirissa in campo Bella Vienna, alle spalle di Rialto. E' intervenuta la Polizia Municipale, dalle prime segnalazioni non vi sono feriti. La rissa sarebbe avvenuta a pochi metri dalla vecchia sede del Tribunale, luogo dove abitualmente si davano appuntamento per il rito dello spritz serale. Questa sera però il tasso alcolico era salito oltre il dovuto e dopo i primi spintoni si è passati ai pugni, la situazione è degenerata al punto da coinvolgere tutti i presenti al ritrovo.