19 apr 2022

Concorsi pubblici, in Italia sono tutto un quiz: "Rispondi alla domanda in 2 minuti"

L’ultimo caso è il bando per assumere gli insegnanti alle medie e superiori: 50 quesiti in meno di due ore. I test a crocette finiscono nel mirino. Ma perché il nostro Paese ha importato il modello anglosassone?

lorenzo guadagnucci
Cronaca
featured image
Uno dei recenti concorsi per la selezione di docenti nelle scuole secondarie

Gennaro Carotenuto, professore di Storia contemporanea all’Università di Macerata, ha commentato così, con felice sintesi da navigato utente Twitter, il caso del concorso per insegnanti fatto a colpi di quiz a risposta chiusa e rivelatosi un fallimento: "L’ultima volta che ho presieduto una commissione d’esame per insegnanti feci portare ad ognuno il proprio computer collegato in rete e preparare così una lezione. Posso mai nel XXI secolo valutare un docente con le crocette su un quiz sulla battaglia della Meloria?". Già, che connessione può esserci fra una selezione che premia chi individua le risposte giuste tramite crocette (a proposito: la battaglia della Meloria fu combattuta il 6 agosto 1284 fra la flotta della Repubblica di Genova e quella della Repubblica marinara di Pisa, vedi Wikipedia) e il successivo impegno di docente in classe, di fronte agli studenti, con lezioni da costruire e il dialogo da tessere con i ragazzi? Il tweet di Carotenuto contiene già la risposta: nessuna connessione. L’unico modo per accertare, durante un esame, la capacità di stare in classe è chiedere al candidato di simulare una lezione, offrendo gli strumenti necessari: computer, rete, anche Wikipedia (si può dunque dimenticare data e dettagli della battaglia della Meloria). Eppure anche l’ultimo concorso per l’accesso di 32mila insegnanti nelle scuole medie e superiori si è svolto con i quiz a crocette (tre ipotesi di risposta fra cui scegliere quella giusta), con esiti pressoché disastrosi, sia perché circa l’80% degli aspiranti docenti è stato bocciato, sia perché i mancati professori hanno lamentato proprio il punto messo a fuoco da Carotenuto: che c’entra il nozionismo tipico dei quiz con il mestiere di insegnante e anche con gli studi universitari portati a compimento? È seguita polemica, col ministro attuale che ha riconosciuto il fallimento – l’80% di bocciati è un fallimento in ogni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?