Settanta auto danneggiate: finestrini rotti, specchietti fatti saltare, carrozzeria rigata. Tutte vetture di medici e paramedici, parcheggiate fuori dall’ospedale, a Rimini. Loro, gli uomini e le donne che lavorano all’ospedale Infermi, avevano finito il turno di notte. Un turno reso ancora più pesante dal clima in cui si è ripiombati con l’aumento dei casi di positivi da Covid. Medici, infermieri e operatori socio sanitari sognavano solo di salire sulle proprio auto e tornare a casa, per godersi un...

Settanta auto danneggiate: finestrini rotti, specchietti fatti saltare, carrozzeria rigata. Tutte vetture di medici e paramedici, parcheggiate fuori dall’ospedale, a Rimini. Loro, gli uomini e le donne che lavorano all’ospedale Infermi, avevano finito il turno di notte. Un turno reso ancora più pesante dal clima in cui si è ripiombati con l’aumento dei casi di positivi da Covid. Medici, infermieri e operatori socio sanitari sognavano solo di salire sulle proprio auto e tornare a casa, per godersi un po’ di relax con le famiglie in una domenica di sole di fine ottobre. Invece ieri mattina, poco prima delle sette, la scoperta, amara e inspiegabile. Le loro auto si erano trasformate in un bersaglio, oggetto di vandalismi.

Aggiornamento I carrozzieri: "Ripariamo gratis le auto dei medici"

Una vera e propria strage nei tre parcheggi riservati ai dipendenti dell’Ausl, in via Stampa e in via Settembrini. Alla fine della conta le vetture danneggiate erano arrivate ad essere addirittura 70. Erano saltati finestrini, specchietti: per terra solo tantissimi vetri, i resti di una lunghissima scia di danneggiamenti. Qualche sanitario si è ritrovato con l’auto rigata: a farne le spese soprattutto quelle più nuove, quelle di recente acquisto.

Ma nonostante i finestrini rotti, all’interno delle settanta auto, non è stato portato via nulla, nessun oggetto, nessun paio di occhiali o monetine. Niente di niente. Di certo, quindi, non l’opera di qualche disperato in cerca di oggetti da rubare.

Commenta Andrea Boccanera, responsabile della sicurezza dei lavoratori dell’Ausl Rimini: "Non è certo il lavoro di un ubriaco o di qualche teppistello, quello di questa notte è un attacco mirato contro i sanitari. Accanto alle auto dei dipendenti dell’Ausl, a pochissimi metri, ce ne erano altre e non sono state toccate. Chi ha colpito, lo ha fatto scientificamente e mirava solo a danneggiare le vetture del personale sanitario".

Boccanera poi entra più nello specifico: "La gente è sempre più esasperata e nervosa, forse ai loro occhi, con i nostri appelli suoi social a rispettare le misure, i distanziamenti creiamo allarmismo, qualcuno lo potrebbe pensare. Non si vandalizzano settanta auto e tutte di personale che lavora nella sanità pubblica, in ospedale. È un attacco mirato a noi. Da anni chiediamo che vengano installate delle telecamere per garantire una maggiore sicurezza, speriamo che stavolta, dopo questo episodio, di venire ascoltati anche dalla nostra direzione sanitaria".

Bollettino Covid del 26 ottobre, dati di oggi e tabella