26 dic 2020

Impianti sciistici: a rischio l'apertura il 7 gennaio

Cts ha chiesto di rivedere le linee guida: è ancora necessaria la "massima cautela"

Sospesi a 100 metri di altezza, tra terra e cielo, per eseguire la manutenzione della Skyway Monte Bianco, il moderno impianto sul versante italiano del massiccio che conduce fino ai 3.462 metri di Punta Hellbronner, 16 novembre 2020. I lavori sono in corso in questi giorni per garantire un accurato mantenimento della struttura, prima dell'inizio dell'inverno e l'arrivo della neve.
ANSA/ UFFICIO STAMPA SKYWAY MONTE BIANCO
+++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++
Coronavirus, rischio riapertura impianti da sci (Ansa)

Roma, 26 dicembre 2020 - La neve imbianca il nostro paese, ma il tasso di positività al Coronavirus risale e, anche in Italia, si verificano nuovi casi di variante inglese del Covid. Nonostante il V-day, il giorno del vaccino, sia alle porte, il Comitato tecnico scientifico non abbassa l'allerta e avverte che è a rischio la riapertura degli impianti di sci il 7 gennaio.

Il Cts ha presentato, infatti, una serie di osservazioni al protocollo messo a punto a fine novembre dalle Regioni, chiedendo che venga rivisto e reso più aderente al sistema della divisione in fasce previsto dall'attuale normativa.

Approfondisci:

Variante inglese Covid: Giappone, da lunedì frontiere chiuse

In ogni caso, il Comitato ricorda che è ancora necessaria la "massima cautela" e che per ogni decisione che verrà presa sarà fondamentale l'analisi degli indici epidemiologici. Una nuova riunione è prevista per la settimana prossima.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?