Torna la zona giallo rafforzato a partire dal 26 aprile, ma resta il coprifuoco dalle 22 alle 5, come misura per ridurre la diffusione del Coronavirus. In questa fascia, dunque, restano consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. La restrizione è probabilmente una delle poche a rimanere invariata, in base a quanto annunciato dal premier Mario Draghi, in conferenza stampa con il ministro della Salute, Roberto Speranza, in relazione alle riaperture decise dalla cabina di regia. "Per questa fase – ha detto Speranza –, la scelta del Governo è di conservare la limitazione oraria del cosiddetto coprifuoco esattamente com’è oggi vigente, poi valuteremo".