31 gen 2022

Green pass nei negozi, obbligo vaccino, mascherine: le novità dal 1 febbraio

Da domani scattano sanzioni per i no vax. Oggi il Cdm: nuove regole in arrivo. Scuola: verso riduzione dad da 10 a 5 giorni 

Roma, 31 gennaio 2022 - Green pass, mascherine, negozi: dal 1 febbraio cambiano le regole. Con la scadenza delle misure fissate dal governo con il decreto festività, infatti, si entra in un nuovo regime. E il Consiglio dei ministri, tra oggi e giovedì, dovrebbe varare due nuovi provvedimenti che contengano misure anche sulla scuola. Vediamo allora quali sono i nodi, tra cui le discoteche e i colori delle Regioni, e cosa cambia da domani.

Green pass, zone rosse, discoteche: calendario con le regole fino al 15 giugno

Nuove regole Covid: iniziato il Cdm decisivo. Cosa cambia e da quando

Il bollettino Covid del 31 gennaio: casi, morti e ricoveri

Sommario

Approfondisci:

Covid, esame della patente: ecco cosa cambia dal 1 febbraio

Green pass: stretta sulle attività

Da domani sarà necessario avere il Green pass base - che si ottiene con il solo tampone - per entrare nei principali uffici e attività, poste, banche e librerie comprese. Resta consentito il libero accesso, tra gli altri, nei negozi di generi alimentari, in quelli per la vendita del cibo per gli animali domestici, nei distributori di carburante, nei negozi di vendita di articoli igienico-sanitari, in farmacie, parafarmacie e ottici, nelle edicole all’aperto.

Caro bollette, fisco e Superbonus. Scogli sulla ripartenza del governo

Durata Green pass

Il Green pass rafforzato, che si ottiene con vaccinazione o guarigione dal Covid, è ridotta 9 a 6 mesi, a prescindere dalla data in cui è stato ottenuto. Se si ha un Green pass in scadenza, si dovrà provvedere a fare la terza dose. E il certificato di chi ha fatto il richiamo (booster in inglese) o la terza dose - denominato anche Green pass booster o Green pass mega -, invece, avrà molto probabilmente durata illimitata. Non è stato ancora varato il decreto che lo conferma, ma non essendoci ancora istruzioni per la quarta dose, questo Green pass non scadrà.  La durata del Green pass base - che si ottiene con tampone negativo -, invece, varia in base al tipo di tampone: con quello molecolare la certificazione verde dura 72 ore, con il tampone rapido o antigenico 48 ore.

Obbligo vaccino over 50

E scatta, sempre dal 1 febbrario, l'obbligo di vaccino per gli over 50. Dal 15 febbraio, inoltre, gli ultracinquantenni dovranno esibire il Green pass rafforzato, cosiddetto super Green pass - che, ricordiamo, si ottiene con la vaccinazione o guarigione dal Covid (e non con il tampone) - per accedre ai posti di lavoro.

Multe per non vaccinati

Per un milione e 680 mila italiani che hanno più di 50 anni e non sono in regola con la vaccinazione obbligatoria scattano le sanzioni. Le multe riguarderanno chi non ha iniziato il ciclo primario, chi dopo la prima dose non ha fatto il richiamo e chi, dopo la seconda, non ha fatto il booster. Gli inadempienti avranno 10 giorni di tempo dall’avviso di mancata vaccinazione per comunicare alla Asl eventuali certificati che attestino la loro condizione di esentati dall’obbligo. Se la Asl non confermerà, l’Agenzia delle entrate trasmetterà entro 180 giorni "un avviso di addebito".

Mascherine all'aperto

Da oggi dovrebbe cadere l’obbligo di mascherine all’aperto, anche in zona bianca, ma l’intenzione del governo è di confermarlo per uno o due mesi. Il provvedimento è entrato in vigore dal 24 dicembre, con il decreto festività, nei giorni in cui si sono stati segnalati nuovi picchi dei contagi. E la scadenza della misura, secondo quanto si apprende, dovrebbe essere prorogata fino a una discesa della curva epidemica. 

Nodo discoteche

Secondo quando disposto sotto Natale, scadrebbe oggi l'obbligo chiusura per discoteche. Restano 'in ballo' discoteche e feste all’aperto. Il Cts vorrebbe prorogare lo stop per un altro mese, ma la valutazione sarà fatta dal governo. Possibile una riapertura dal 14 febbraio (San Valentino). 

Colore regioni

Focus colore Regioni. Il governo è intenzionato ad accogliere la richiesta delle Regioni e a mantenere la sola zona rossa. L’orientamento prevalente è presentare un emendamento del decreto 221 all’esame del Parlamento. Ma potrebbe anche essere possibile fare ricorso ad un decreto che lo affronti assieme al tema Green Pass.

Scuola

Con ogni probabilità la sospensione didattica per chi frequenta le scuole materne e la Dad per gli studenti dai 6 anni in su dovrebbero essere accorciate da 10 a 5 giorni. Il decreto del 27 gennaio prevede già una semplificazione per la prosecuzione della didattica in presenza, quando ci sono due casi di positività nelle scuole secondarie di I e II grado, e per la riammissione in classe, negli altri casi, da parte degli alunni in regime sanitario di autosorveglianza asintomatici: potranno entrare in classe con la verifica della sola certificazione verde. 

Inoltre, l'obiettivo è fare meno tamponi anche se, con il decreto pubblicato venerdì in Gazzetta ufficiale, è già così: se vai in didattica a distanza ma sei vaccinato o guarito, al rientro non devi portare il tampone (vale da 0 a 18 anni). Sul resto si sta ancora trattando. L'ipotesi è che tutte le misure siano comunque uniformi, dalle primarie fino alle superiori. Le classi dovrebbero andare in dad a partire dai 3 contagi mentre nel caso fossero 2, rimarrebbe a casa solo chi non è vaccinato o chi è vaccinato da più di 120 giorni e non ha fatto il booster o chi è guarito da più di 120 giorni.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?