Il regista Babak Khorramdin, 47 anni è stato sedato, ucciso e fatto a pezzi dai genitori. L’anziana coppia, ha confessato di avere ammazzato diversi anni fa la figlia e il genero, nello stesso modo. Khorramdin si era laureato in cinema all’Università di Teheran nel 2009 e poi si era trasferito a Londra, dove aveva vissuto per alcuni anni. Tornato in Iran, si era dedicato all’insegnamento. Non si era mai sposato, e questo aveva creato disagio ai genitori, anche perché frequentava diverse studentesse. Il cadavere è stato ritrovato smembrato in una valigia e alcuni sacchi della spazzatura gettati in un bidone a Ekbatan, un sobborgo di Teheran. I genitori Iran, 74 anni, e Akbar, di 81 non hanno mostrato alcun pentimento. Sotto interrogatorio, hanno anche confessato di aver ucciso diversi anni fa la loro figlia, perché a loro dire si drogava, e poi il loro genero, perché si era rivelato violento. Il padre, durante l’udienza in tribunale, ha detto: "Non mi pento di quello che ho fatto con la collaborazione di mia moglie. Erano corrotti e ringrazio Dio".