La nuova mappa dell'Italia a colori
La nuova mappa dell'Italia a colori

Roma, 7 gennaio 2022 - Da lunedì 10 gennaio altre quattro regioni entrano in zona gialla nella nuova mappa dell'Italia a colori. Si tratta di Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana e Valle D'Aosta. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato le ordinanze per il passaggio dalla zona bianca. Nell'ultima settimana le 4 regioni hanno infatti superato le soglie "gialle" del 10% di intensive e del 15% di ricoveri ordinari. I dati sono: Abruzzo (13,3% e 18,7%), Emilia Romagna (15,7% e 19,4%), Toscana (17,2% e 17,9%) e Val d'Aosta (15,2% e 42,4%). 

Covid: dati Italia del 7 gennaio su contagi, morti, ricoveri e terapie intensive

Covid Italia: brusco aumento Rt. Incidenza raddoppia

Con queste 4 le regioni classificate gialle per le misure anti-Covid diventano così in tutto 15. Si aggiungono a Calabria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Provincia di Bolzano, Provincia di Trento, Piemonte, Sicilia e Veneto. Sfiora la zona arancione la Liguria, che è oltre il parametro del 30% di ricoveri ordinari (al 34,2%) ma subito sotto quello del 20% per le intensive (al 19,5%). A rischio per la prossima settimana anche Piemonte (con le intensive oltre soglia al 21,7% e i ricoveri sotto al 26%) e le Marche (23,9% e 24,1%). Quanto all'incidenza, il valore più alto si registra in Toscana, ben 2.680 casi per centomila abitanti, seguita da Lombardia (2.578), Val d'Aosta (2.255), Umbria (2.235) e Emilia Romagna (2.153). 

Covid e calcio, serie A in bilico. Draghi: "Si valuti stop o porte chiuse"

Morti per Covid, Italia tra le prime. Perché il virus qui uccide di più

Cosa si può fare in zona gialla

Gli ultimi decreti hanno annullato di fatto le vecchie differenze fra zona bianca e zona gialla. In entrambe la mascherina è obbligatoria all'aperto, ma non ci sono limitazioni agli spostamenti e tutte le attività restano aperte. Valgono in generale le regole sul certificato verde e su quello rafforzato.

Ricordiamo infatti che con il decreto del 5 gennaio si stabilisce che dal 10 gennaio sarà obbligatorio il Super Green pass (quindi con vaccino o guarigione) ovunque, tranne che nei negozi e per i servizi essenziali. Parte dunque la stretta sui non vaccinati, a prescindere dal colore della regione: sarà obbligatorio il Super Green pass per salire su treni, bus, metro e tutti gli altri mezzi di trasporto, mangiare nei locali all'aperto (oltre che in quelli al chiuso, come già previsto), per entrare in alberghi, andare a fiere, impianti sci e tanti altri luoghi di socialità e svago.

Zona arancione: i parametri

Ma quali sono i parametri che fanno invece scattare la zona arancione? Sono i soliti tre che valgono anche per la zona gialla, cambiano solo le soglie:
- Incidenza deve superare il limite di 150 casi su 100mila abitanti;
- Terapie intensive devono superare la soglia del 15%;
- Ricoveri devono oltrepassare il limite del 30%.


L'Ordine dei medici

Va contro il sistema a colori delle regioni l'Ordine dei medici. "Non rispecchia più la realtà, e va aggiornato - dice il presidente dell'Ordine dei Medici Filippo Anelli -. Funzionava quando il problema era prevalentemente l'occupazione dei posti letto e delle terapie intensive. Oggi, con i vaccini, la maggior parte dei contagiati - oltre un milione e mezzo di persone - è curata a casa. Con questi numeri, anche il tracciamento rischia di saltare. Serve una nuova classificazione, nuovi parametri che tengano conto della pressione sulla sanità territoriale. Occorre coinvolgere i medici del territorio, a livello decisionale prima ancora che operativo, integrando i loro rappresentanti nel CTS".