Regina Paola del Belgio (LaPresse)
Regina Paola del Belgio (LaPresse)

Venezia, 26 settembre 2018 - La regina Paola del Belgio questa notte è stata colpita da un malore - al principio si parlava di ictus, ma dovrebbe essere meno grave - mentre si trovava a Venezia.  Secondo i media belgi sarà rimpatriata d'urgenza nel pomeriggio all'aeroporto militare di Melsbroek. Secondo fonti di palazzo reale, la situazione è sotto controllo e l'ex sovrana non è in pericolo di vita. 

La sovrana negli ultimi anni ha avuto diversi problemi di salute. Si era infatti già sentita male una volta durante le vacanze in Italia nel 2015, a causa di un attacco di aritmia cardiaca. In seguito ha subito diverse fratture: prima si è rotta una vertebra nel 2016, poi un'anca nel 2017. Ora è ricoverata all'ospedale civile SS. Giovanni e Paolo di Venezia: i medici non avrebbero deciso il trasferimento urgente nel reparto specializzato per il trattamento dell'ictus, ma di tenerla in osservazione in attesa delle procedure per il suo rimpatrio.

Pare che la regina abbia avuto un disturbo neurologico transitorio durante la notte, ma che ha spaventato molto le persone che stavano con lei. La moglie di re Alberto  verrà quasi certamente dimessa in giornata dal nosocomio lagunare. La regina, secondo quanto si è appreso, era a Venezia in visita privata quando, nella notte, ha avuto un malore preoccupando le persone che stavano con lei che hanno quindi chiamato il 118. Portata d'urgenza in ospedale, è stata sempre cosciente, è stata sottoposta a Tac e agli altri esami di rito e trasferita al reparto di neurologia, in una camera singola
In una nota il Palazzo reale del Belgio spiega che la regina rientrerà in giornata a Bruxelles per compiere ulteriori accertamenti medici. A dimostrazione che non sta male, sarà rimpatriata su un aereo della Difesa, e non con un volo sanitario. Secondo Le Soir la sovrana, una volta di ritorno in Belgio, verrà visitata dai suoi medici di fiducia che faranno la diagnosi finale e decideranno che trattamento medico dovrà seguire. Paola è cosciente, parla e cammina normalmente.

image

IL MESSAGGIO DI MATTARELLA - Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, appresa con "preoccupazione" la notizia del malore che ha colpito la Regina Paola, ha spedito al Re del Belgio Filippo il seguente messaggio: "Invio alla Regina Paola un affettuoso pensiero e fervidi auguri di pronto e completo ristabilimento. A nome del popolo italiano e mio personale rinnovo a Vostra Maestà, alla famiglia reale e a tutti i cittadini belgi le espressioni dei nostri sentimenti di amicizia e vicinanza". 

UN PO' DI STORIA - La moglie di re Alberto ha 81 anni. Il sovrano ha abdicato cinque anni fa in favore del figlio Filippo, sposato con la regina Matilde. Paola Ruffo di Calabria, è stata la regina dei Belgi dal 1993 al 2013 come consorte di Alberto II.

Paola Ruffo di Calabria è nata a Forte dei Marmi, settima e ultima dei figli dell'asso italiano dell'aviazione della prima guerra mondiale Fulco, principe Ruffo di Calabria, sesto duca di Guardia Lombardi (1884–1946).

Sua madre era Luisa Gazelli dei conti di Rossana e di San Sebastiano (1896–1989), una discendente matrilineare di Gilbert du Motier, marchese de La Fayette. È di ascendenza soprattutto italiana, ma anche belga per via indiretta femminile: la nonna paterna, Laura Mosselman du Chenoy, aveva lasciato Bruxelles nel 1877 per sposare don Beniamino, principe Ruffo di Calabria.
La regina Paola parla correntemente l'italiano, il francese e l'inglese. Ha studiato, fin dal suo arrivo nella capitale belga, anche l'olandese, lingua madre di circa il 60% dei suoi futuri sudditi. È stata ritenuta, durante la sua giovinezza, una delle più belle principesse d'Europa.