6 feb 2022

Red Canzian dopo un mese d'ospedale: "Il primo giorno di libertà". E cita i Pooh

L'ex bassista posta un video sui social e si rivolge ai fan

Treviso, 6 febbraio 2022 - Red Canzian, ex bassista dei Pooh, parla per la prima volta ai fan dopo la malattia.

“È passato esattamente un mese dal giorno del mio ricovero, e oggi per la prima volta sono uscito a respirare l’aria, quella vera, quella pura che mi mancava tanto”. Con queste parole, in un video postato oggi sui social, Canzian saluta i fan all’esterno dell’ospedale Ca' Foncello di Treviso, dove era stato ricoverato per una grave infezione.

Approfondisci:

Red Canzian, il racconto dell'ex Pooh: "Potevo morire, per i medici sono un highlander"

Approfondisci:

Red Canzian, la malattia e l'affetto dei fan. La nuova vita artistica dopo i Pooh

Io dovrò restare qui - annuncia l’ex bassista dei Pooh - ancora tre-quattro settimane. La cura antibiotica è molto dura, ma quello che ho avuto era molto più duro. Faccio fatica a fare dei video o mettere dei posto sui social, ma sono uscito con le mie gambe”. 

Approfondisci:

Pooh, l'anno orribile. Paura per Red Canzian che con un video rassicura i fan

Canzian ha intitolato il post ‘Il primo giorno di libertà’, una canzone del ‘76 dei Pooh, “ed è quello che ho provato oggi, in questa mia prima uscita”, confida.

Il ricovero di Canzian a Treviso, dove è stato operato per un'infezione cardiaca qualche settimana fa, non gli ha permesso di partecipare alla presentanzione del suo ultimo spettacolo, "Casanova opera pop", uno show debuttato con triplo sold out al Teatro Malibran di Venezia il 21, 22 e 23 gennaio e che ora sarà in scena agli Arcimboldi di Milano dal 9 al 20 febbraio.

In questi giorni anche Gian Marco Schiaretti, il protagonista che interpreta Casanova del kolossal musicale firmato da Canzian, ha confermato che "Red sta migliorando. Ora va incontro al classico periodo di riabilitazione e a un momento di accortezze, vista la situazione dovuta al Covid è meglio tenerlo al sicuro".

"Red ha avuto una vita piena, anche di incidenti - ha ricordato Gipeto, che nello spettacolo interpreta l'inquisitore Pietro Garzoni - è un eroe da tragedia greca. Non è mai mancato se non fisicamente, ma la sua spinta propulsiva c'è sempre stata".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?