È in caduta incontrollata il razzo cinese Lunga Marcia 5B, che il 29 aprile ha portato in orbita il primo modulo della stazione spaziale Tiangong. "È la seconda volta che accade con questa versione del razzo. La prima – osserva Luciano Anselmo, dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Isti-Cnr) di Pisa – era stata nel 2020, quando i frammenti erano caduti su alcuni villaggi dell’Africa occidentale", ma allora la notizia era passata quasi inosservata per la pandemia di Covid-19. II rientro del razzo è previsto intorno al 10 maggio, con uno scarto di due giorni prima o dopo questa data: in base all’orbita attuale, potrebbe cadere in un’area compresa, a nord, tra Pechino, New York e Madrid, o a sud, tra la parte meridionale del Cile e Wellington, in Nuova Zelanda.

Razzo cinese, caduta nell'oceano Indiano. Nessun impatto di frammenti sull'Italia

Razzo cinese fuori controllo: tavolo tecnico alla Protezione civile

Razzo cinese, "cadrà dopo la mezzanotte". Anche sud Italia nella zona d'impatto