Satriano (Catanzaro),  28 agosto 2021 - Cercano il capobranco. Quello che ha 'guidato' i cani meticci e maremmani all'aggressione killer che ha fatto scempio di Simona Cavallaro, appena 20 anni. Sbranata da cani pastore, maremmani e meticci. Ne hanno trovati 12, forse erano 15-20. Per questo il  sindaco di Satriano Massimiliano Chiaravalloti ha blindato la pineta dell'orrore. L'autopsia ha stabilito che la ragazza è stata assalita alle spalle e alle gambe. Ha provato a difendersi: sotto le unghie sono stati trovati peli di cane.

Ragazza uccisa dal branco, gli esperti: ecco come si rieduca un cane killer

I cani trovati ancora sporchi di sangue

“Chiusura di tutte le strade di accesso alla pineta in località Monte Fiorino che ricadono sul territorio comunale di Satriano per la durata di 15 giorni fatto salvo eventuali nuove diverse disposizioni”, scrive il primo cittadino in un'ordinanza contingibile e urgente firmata ieri, mentre la tragedia di Satriano ha fatto il giro d'Italia. 

"È consentito esclusivamente l’accesso per il rientro alle proprie residenze, l’accesso alle attività produttive, alla cura e mantenimento degli animali d’affezione con l’invito gli eventuali interessati ad usare tutte le precauzioni del caso", sono le regole fissate dal Comune.  Queste le motivazioni:  "I cani potrebbero nella loro fuga disperdersi all’interno dell’ampia area circostante al luogo in cui è avvenuta l’aggressione;  alcune persone potrebbero utilizzare le strade che conducono alla pineta di Monte Fiorino per diverse ragioni e  attività". Valutato soprattutto "il pericolo per la pubblica incolumità dovuto al possibile incontro con i maremmani da gregge che hanno aggredito causandone la morte una ragazza di vent’anni". Per tutte queste ragioni, il sindaco ha deciso di vietare la circolazione anche a piedi. 

Qui il testo dell'ordinanza.

Lunedì pomeriggio alle 17 si terranno i funerali di Simona. Il papà Alfio li ha annunciati sui social con parole strazianti. "Il cielo è davvero molto fortunato ad averti lì a differenza di noi. L'alba di ogni giorno ti porti il nostro saluto, l'ultimo rintocco della campana il nostro bacio".