23 apr 2022

"Quel prof ci ha molestato E continua a insegnare"

La denuncia delle studentesse: anni di inferno, mai protette dalla scuola. Il docente scriveva sui social: "Sei stupenda, fisserò il tuo vestito all’esame"

Alcune ragazze durante una manifestazione contro la violenza sulle donne
Alcune ragazze durante una manifestazione contro la violenza sulle donne
Alcune ragazze durante una manifestazione contro la violenza sulle donne

di Laura Valdesi "Posso dirti che sei particolarmente stupenda?". E ancora: "Non vedo l’ora di guardare il tuo vestito all’esame. Non sentirti in imbarazzo, non ti staccherò gli occhi di dosso. Tesoro mio dolce". E dopo che la studentessa aveva sostenuto la maturità: "Meno male venerdì ti rivedo. Avrei voluto farti una foto, ma era complicato". Solo alcuni degli apprezzamenti fatti in privato sui social da un insegnante del liceo artistico Buoninsegna di Siena a una ormai ex studentessa che ora frequenta l’università. "Gli apprezzamenti sessuali espliciti anche durante le interrogazioni, gesti e contatti fisici equivoci, commenti continui alle sue foto su Instagram, continuavano a farla stare male. Insonnia, disturbi dell’alimentazione, anche problemi di rendimento scolastico. Così ha deciso di rivolgersi all’Associazione ’Donna chiama donna’ che tutela contro le violenze non per denunciare il docente ma per trovare il modo di impedire che altre ragazze continuassero a subire quelle attenzioni", spiega l’avvocato Claudia Bini. Un dolore e un disagio già denunciati da alcune studentesse in un video di 3 minuti e mezzo del novembre 2020 sui social dove, senza fare accuse specifiche al docente, si raccontava la violenza verbale e psicologica che si celava dietro espressioni di apparente apprezzamento sessuale esplicito, volgare e minacciosio noto come ’catcalling’. "Non dirmi sensuale, non dirmi tesoro, non fischiarmi, non toccarmi", alcune frasi del filmato. Poi la mail del 27 gennaio scorso inviata dall’avvocato Bini alla dirigente scolastica, alla direzione regionale e provinciale della pubblica istruzione. Si denunciava "che il docente aveva comportamenti sessualmente molesti con le studentesse". Non solo quella che si è esposta ma un altro gruppetto che con lei a dicembre si è rivolto a ’Donna chiama donna’. E’ arrivata poi una lettera firmata da 49 liceali, fra cui alcuni maschi, per chiedere provvedimenti sul caso. La preside non poteva che inviare tutto ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?