Lo scandalo pedofilia

che ha travolto la Francia fa riemergere legami imbarazzanti.

L’ex ministro della Cultura Jack Lang è stato intervistato in tv anche sui suoi rapporti con Jeffrey Epstein, il miliardario americano accusato

di abusi, sfruttamento della prostituzione femminile e traffico di minori, trovato morto in carcere nell’agosto 2019. Lang si è giustificato:

"Una persona ti può apparire affascinante prima di scoprire che invece è un bastardo".

Nel 2018, un anno prima del suo arresto con l’accusa di traffico sessuale, il potentissimo finanziere aveva fatto

una generosa donazione a un’organizzazione

no profit francese attraverso la sua organizzazione di beneficenza privata.

Il presidente, il tesoriere e il segretario dell’organizzazione

no profit erano tutti collaboratori di lunga data o amici di Lang. All’epoca, l’ex ministrto socialista aveva dichiarato che i soldi dovevano servire a finanziare un film,

senza spiegare oltre.