Michele Brambilla Insomma quasi si scusava, l’amico, per avermi fatto perdere tempo. In realtà, da uomo nato e cresciuto in un altro secolo, anzi in un altro millennio, non mi ero affatto annoiato nel vedere quei filmini, così ricchi di dettagli, di particolari che magari oggi paiono superflui, ricchi perfino di pause e di silenzi, come del resto è ricca, di pause e di...

Michele

Brambilla

Insomma quasi si scusava, l’amico, per avermi fatto perdere tempo. In realtà, da uomo nato e cresciuto in un altro secolo, anzi in un altro millennio, non mi ero affatto annoiato nel vedere quei filmini, così ricchi di dettagli, di particolari che magari oggi paiono superflui, ricchi perfino di pause e di silenzi, come del resto è ricca, di pause e di silenzi, la vita stessa, anche se cerchiamo di bruciarla sempre più in fretta. Soprattutto, l’amico non deve scusarsi di nulla perché la serata trascorsa a vedere dei vecchi VHS (ma personalmente ricordo anche quelle con i Super 8) è stata l’occasione per accorgerci, quasi di colpo, come siamo cambiati. Non dico come siamo peggiorati: ogni epoca ha le proprie caratteristiche. Dico come siamo cambiati.

Diversi. Sicuramente, corriamo a una velocità un tempo impensabile. Ricordate i balletti del varietà della tv in bianco e nero? Duravano 6- 7 minuti l’uno: un tempo che oggi non riusciremmo a trascorrere senza mettere mano al telecomando, o peggio a qualcosa da scagliare contro lo schermo. E gli sceneggiati? I Maigret con Gino Cervi che impiegava un quarto d’ora per bere una birra? Così erano anche i telegiornali, così era il calcio con i suoi meravigliosi passeggiatori, così era per ciascuno di noi l’attesa di una telefonata o di una lettera. Oggi abbiamo una tale fretta nel mandare un messaggio su whatsapp che neppure ne controlliamo l’ortografia; e a mano, poi, non sa scrivere più nessuno. Ripeto: non dico che fosse meglio allora. Personalmente, non saprei rinunciare a uno smartphone, ai treni ad alta velocità, a internet, ad Amazon. Dico solo che la vista di un filmino delle vacanze di appena vent’anni fa diventa sorprendente perché ci mette di fronte – più di quanto immaginavamo – alla realtà di un cambiamento che probabilmente mai, nella storia dell’umanità, è stato così rapido.