22 apr 2022

"Putin non prenderà tutta l’Ucraina" Quella prima concessione di Biden

Il presidente degli Usa lascia intendere che una parte del territorio possa essere ceduta. Resta il no di Kiev. Dagli Stati Uniti nuovo blocco di aiuti militari per 800 milioni di dollari: missili, obici e droni tattici

cesare de carlo
Cronaca
Una postazione missilistica degli ucraini nei pressi di Kharkiv, la seconda città più grande dell’ex repubblica sovietica
Una postazione missilistica degli ucraini nei pressi di Kharkiv, la seconda città più grande dell’ex repubblica sovietica
Una postazione missilistica degli ucraini nei pressi di Kharkiv, la seconda città più grande dell’ex repubblica sovietica

di Cesare De Carlo La diplomazia – si sa – è fatta di sfumature, di cose dette e non dette, di omissioni e di inclusioni. Di aggettivi soprattutto, come quello usato ieri da Joe Biden. Il presidente americano parlava ai corrispondenti della Casa Bianca. Soggetto scontato: l’Ucraina e la battaglia per Mariupol. A un certo punto ha detto che Vladimir Putin non riuscirà mai a occupare "tutta" l’Ucraina. Che significa quel "tutta"? Che riuscirà a occuparne una parte? Che in questo caso gliela si può anche lasciare? Al presidente ucraino Volodymyr Zelensky andrà bene dopo avere giurato che non rinuncerà mai a un solo metro di territorio ucraino? Quell’aggettivo si combina con l’annuncio dello stesso Putin. Da Mosca il presidente russo fa sapere di avere ordinato la sospensione dei bombardamenti, avendo già conquistato l’intera città. Affermazione contestata dallo stesso Biden oltre che da Zelensky e dal sindaco della martoriata città, Vadym Boychenko. Le acciaierie Azovstal, fulcro della resistenza, sarebbero ancora in mani ucraine. Ovviamente le interpretazioni divergono. Tutto ruota attorno a quell’aggettivo, che potrebbe indicare una concessione da parte americana e che – come detto – potrebbe essere messo in relazione con l’ordine di Putin. Sospensione dei bombardamenti e sospensione dell’ultimo decisivo assalto delle truppe di terra allo stabilimento siderurgico. E allora non appare azzardata la domanda: si apre un primo spiraglio di accordo o di tregua in questa guerra atroce prossima a entrare nel terzo mese? Quell’aggettivo a Biden non sembra essere sfuggito. Altre volte ha detto più di quello che avrebbe dovuto, essendosi lasciato prendere dalle emozioni o dalle distrazioni. Ma ieri leggeva dal teleprompter, come del resto è solito fare per non incorrere in dimenticanze, negligenze, confusioni. Dunque quel "tutta" era presumibilmente nel testo scritto e inserito – senza sottolineature – nella conferma del nuovo imponente pacchetto di forniture militari all’Ucraina. Artiglieria ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?