Milano, 19 febbraio 2018 - La parte finale dell'inverno, confermano le previsioni meteo, rischia di essere davvero scoppiettante. In pratica, gelida. Sarà una settimana all'insegna del brutto tempo e, via via, sempre più fredda, fino all'incursione di aria siberiana, che farà sentire i suoi effetti sull'Europa a partire dal prossimo weekend.

Previsioni meteo, ultimi aggiornamenti: neve confermata. E Burian fa paura

LA PRIMA PARTE DELLA SETTIMANA - "Prossimi giorni con bassa pressione recidiva sull'Italia, alimentata da aria fredda in arrivo dall'Europa nord orientale", dice il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara, che spiega: "Sono così attese nubi e piogge a tratti al Centro Sud, in genere deboli o al più moderate, più probabili sulle regioni adriatiche. Ai margini il Nord con fenomeni scarsi o assenti. Un po' di neve è inoltre attesa sull'Appennino, mediamente oltre i 500-1000 metri su quello centrale, inizialmente oltre i 1000-1500 metri su quello meridionale ma con quota in calo. Fiocchi di neve fino in collina sono invece attesi in Emilia Romagna e sulle Marche, a tratti anche sulle altre aree del Nord dove ci saranno fenomeni comunque deboli. Non escluso qualche fiocco a tratti in pianura sulla Romagna interna. Il tutto sarà accompagnato da sostenuta ventilazione a rotazione ciclonica, con bora frequente sul medio-alto Adriatico e raffiche di oltre 70km/h su Trieste".

NEVE_28856302_174542

PREVISIONI, DA MERCOLEDI' IN POI - L'evoluzione per la seconda parte della settimana - dice il Centro Epson Meteo - mostra ancora ampi margini di incertezza per quanto riguarda le aree interessate dal maltempo. Al momento sembra probabile un coinvolgimento, oltre che delle regioni centro-meridionali, anche di quelle settentrionali tra la seconda parte di giovedì e la prima parte della giornata di sabato. In questo frangente, al Nord non si escludono nevicate fino a bassa quota (300-400 metri), ma localmente anche fino in pianura in Emilia, dove le precipitazioni dovrebbero risultare anche più consistenti. Ilmeteo.it, proprio per quanto riguarda i giorni da giovedì a sabato, è molto più netto e parla di "neve a ripetizione", in particolare al Nord. Anche le mappe di 3bmeteo.com, al momento, confermano questa tendenza.

IL GELO RUSSO - 3bmeteo.com comincia a sbilanciarsi sul prossimo weekend: "Appare ormai molto probabile un'ondata di gelo di notevole portata sull'Europa a partire dal prossimo weekend e nei giorni successivi, con venti gelidi siberiani che dalla Russia soffieranno sull'Europa specie centrale. Saranno giornate di ghiaccio con temperature abbondantemente sottozero anche di giorno e nevicate fino in pianura. L'evento potrebbe assumere connotati storici per la sua intensità. Anche l'Italia potrebbe venire colpita almeno in parte, soprattutto le regioni settentrionali, ma solo i prossimi giorni potremo capire tutti gli effetti in termini di precipitazioni e nevicate". Anche meteogiornale.it rileva che non ci sono ormai dubbi sul fatto che l'aria siberiana piomberà sull'Europa, ma "i principali modelli matematici di previsione sono ancora un po' incerti, alcuni danno un diretto coinvolgimento del nostro Paese altri vedono un'azione più marginale eccezion fatta per le regioni settentrionali". Nelle prossime 48 ore potrebbero essere sciolti molti nodi.