Davide Capello, 34 anni
Davide Capello, 34 anni

Savona, 25 novembre 2019 - Davide Capello, 34 anni, per tutta Italia l’uomo del miracolo. La mattina del 14 agosto 2018 è uscito praticamente illeso dal crollo del Ponte Morandi, dopo un volo di 40 metri. Ex calciatore del Cagliari, è vigile del fuoco a Savona e nel tempo libero allena le giovanili del Genoa.

È successo ancora, a due passi da casa sua.
"Sono choccato. Ho saputo la notizia praticamente in diretta, mi è arrivata una foto sul telefonino, da un amico. Quell’autostrada la percorro qualche volta, quando vado a Torino. Quello che è successo non è accettabile. Tremendo, assurdo. Dicono sia dovuto a una frana. Certo, c’è una parte imponderabile".

Però uno s’immagina che le frane siano monitorate.
"In teoria dovrebbe essere così".

Altrimenti dovremmo arrivare alla conclusione che quando piove in questo Paese è meglio stare in casa.
"Io ci sto arrivando. Soprattutto la Liguria è una terra molto fragile e lo sta dimostrando ancora oggi. Questo nuovo crollo è sconvolgente. Stanno dicendo che non ci sono persone coinvolte. Per fortuna".

Anche stavolta qualcuno si è fermato sull’orlo del baratro. Ma tutto questo è normale?
"No, non è assolutamente normale. Dobbiamo avere la sicurezza di uscire per strada e poter stare tranquilli. Se dobbiamo stare attenti a mettere un piede fuori non è vita".

Scampato alla strage del 14 agosto 2018 che ha provocato 43 vittime, praticamente incolume. Che cosa ha provato di fronte alle immagini dell’A6?
"Sicuramente aver visto quello che è successo quasi in diretta ti mette ansia, ti lascia sgomento Tornano a galla tutti gli incubi dell’anno passato".

Lei è anche un vigile del fuoco effettivo, lavora proprio a Savona. Questo nuovo crollo è avvenuto praticamente a casa sua, un territorio che conosce bene. Con che stato d’animo affronterà il prossimo turno?
"Con preoccupazione, non puoi stare sereno. E questo non è bello".

Come se il disastro di un anno fa non ci avesse insegnato nulla.
"Era incredibile quello che è successo il 14 agosto 2018 e continua a essere incredibile oggi. Perché dai per scontato che dopo una tragedia simile sia stato avviato un piano di controllo per tutti i viadotti".

E invece ci risiamo.
"D’accordo, ci metto il cattivo tempo. Ma non è assolutamente normale, non può esserlo".

"Paghi il pedaggio e pensi di essere sicuro", ha dichiarato tempo fa Gianluca Ardini, altro superstite del Morandi. Rimase appeso per 4 ore nel furgone devastato accanto al collega morto, Giuseppe Matti Altadonna, papà di 4 figli. "Assolutamente no , non siamo sicuri. Lo pensavo prima e continuo a pensarlo oggi".

Domani quando si troverà per lavoro o impegni personali su un altro viadotto, che cosa penserà?
"Ti metti in macchina con grandi pensieri, preoccupazioni. Assurdo. Sì, è assurdo, questa è l’unica parola che riesco a trovare per descrivere quel che è successo".

Lei è un vigile del fuoco, quindi un uomo di Stato. I cittadini si sentono traditi, non più protetti. In tutt’Italia i comitati nati dopo i disastri ripetono una richiesta pressante: mai più.
"Nel mio lavoro cercherò sempre di aiutare le persone come ho sempre fatto. Continuerò a metterci la stessa convinzione, l’impegno non verrà mai meno. Poi penso che qualcuno dovrà fare i conti con tutto questo".