Ponte Morandi (LaPresse)
Ponte Morandi (LaPresse)

Genova, 28 giugno 2019 - Un boato che si sentirà bene fino al mare. Alle 9 di questa mattina le pile 10 e 11 del Ponte Morandi esploderanno, imbottite da centinaia di chili di esplosivo. Hanno fatto il vuoto per 300 metri attorno, evacuate 3.400 persone.

Al lavoro gli specialisti dei cantieri più impegnativi e dei disastri d'Italia, anche se un disastro come questo non si era mai visto perché i ponti non dovrebbero crollare. Invece alle 11:36 del 14 agosto 2018 il viadotto sul Polcevera con un grande boato si spezzò. Una strage con 43 vittime. Come spiega Vittorio Omini, direttore tecnico dell'Ati , l'associazione temporanea di imprese che per 19 milioni dovrà fare il vuoto, le cariche usate sono di due tipi. Quelle tradizionali, con il calcestruzzo forato in 900 punti, ognuno è stato imbottito con diversi candelotti di dinamite. In questo caso, l'impatto verso l'esterno dovrebbe essere minimo, perché l'energia sprigionata resta all'interno del calcestruzzo per frantumarlo. Di questo si è occupata la Siag di Danilo Coppe, parmigiano, il mago dell'esplosivo. Mentre la parte più delicata è quella che ha curato l'esercito, il nono Reggimento Col Moschin, che ha minato gli stralli. Omini calcola che l'esplosione delle due pile produrrà circa 50000 tonnellate di macerie. Il materiale sarà analizzato e quindi si deciderà il suo utilizzo.

Nei mesi scorsi erano esplose polemiche sulla presenza di amianto ma i tecnici avevano ridimensionato l'allarme parlando di quantità minime. Intanto si procede con lo smontaggio del settore ovest. Ancora in piedi tre pile. Spiega il direttore tecnico dell'Ati: "In questi giorni stiamo lavorando sulla 3. Poi resteranno la 2 la 8 e la parte di uscita dalla galleria".