12 apr 2022

Draghi firma l'accordo sul gas con Algeria

Firmato l’accordo: dal Nordafrica 9 miliardi di metri cubi l’anno in più, un terzo di quanto arriva dalla Russia. Draghi: "Presto altre intese"

Ieri. Draghi (74 anni) ha incontrato. il primo ministro algerino Benabderrahmane (55)
Ieri. Draghi (74 anni) ha incontrato. il primo ministro algerino Benabderrahmane (55)
Ieri. Draghi (74 anni) ha incontrato. il primo ministro algerino Benabderrahmane (55)

    Mario Draghi sulle orme di Enrico Mattei punta a conquistare una consistente quota del gas algerino: a regime – spiega l’ad dell’Eni, Claudio Descalzi – si arriverà a 9 miliardi di metri cubi in più, tra 2023 e 2024, ma già da questi anni le forniture saranno destinate a aumentare. "I nostri governi – annuncia il premier da Algeri, dopo la firma dell’accordo sull’energia con il presidente algerino Abdelmadjid Tebboune – hanno siglato una dichiarazione d’intenti sulla cooperazione bilaterale nel settore dell’energia. A questa si aggiunge l’accordo tra Eni e Sonatrach per aumentare le esportazioni di gas verso l’Italia". Una cooperazione che si estende anche al settore degli elicotteri e delle navi. Putin sfida la Ue sul gas russo. Le mosse dell'Italia e perché il prezzo è crollato L’obiettivo della missione italiana (che comprendeva anche i ministri degli Esteri Luigi Di Maio e della Transizione ecologica Roberto Cingolani, oltre al numero uno di Eni) è proprio l’incremento delle forniture di gas dal Paese africano (che già rappresenta il 31% del nostro import), con la riduzione della dipendenza dalla Russia, da cui arrivano 27 miliardi di metri cubi all’anno. Il viaggio ad Algeri, del resto, è il primo di una serie nell’agenda del premier: dopo Pasqua potrebbe essere la volta del Congo, poi Angola e Mozambico. "Subito dopo l’invasione dell’Ucraina – spiega Draghi – avevo annunciato che l’Italia si sarebbe mossa con rapidità per ridurre la dipendenza dal gas russo. L’accordo di oggi è una risposta significativa a questo obiettivo, ne seguiranno altri". E, a spiegare i termini dell’intesa provvede il Ministro Cingolani: da Algeri avremo circa 3 miliardi di metri cubi in più di gas subito, altri 6 nel 2023 per arrivare a 9 miliardi l’anno successivo. Mentre il responsabile degli Esteri traduce: più gas dall’Algeria per tutelare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?