L’udienza di Giorgio Pietrostefani, l’ex militante di Lotta Continua, che si doveva svolgere ieri alla Corte di Appello di Parigi, è stata rinviata al 23 marzo prossimo per motivi di salute. Lo ha detto Irene Terrel, l’avvocata francese di sette dei dieci ex terroristi fermati in Francia. Pietrostefani, 79 anni, non sta bene ed è ricoverato. Pietrostefani è tra i fondatori di Lotta continua. Ha scontato solo una minima parte della pena, circa 2 anni, che gli è stata comminata come mandante dell’omicidio del commissario Luigi Calabresi, ucciso a Milano il 17 maggio del 1972. Deve ancora scontare una pena di 14 anni 2 mesi e 11 giorni. Nel 2000 si è rifugiato in Francia.