Varese, 17 gennaio 2020 - Addio all'indimenticato bomber Pietro Anastasi. L'ex attaccante juventino è morto a Varese all'età di 71 anni: ne dà notizia il club bianconero con una nota sul proprio sito intenet: "Oggi è un giorno triste per tutta la Juventus, per il calcio italiano e per tutti coloro che lo hanno conosciuto". Dal 2018 combatteva contro un tumore

Il figlio Gianluca: "Papà aveva la Sla, ha scelto la sedazione assistita"

Tre scudetti a Torino, una Coppa Italia con l'Inter, Anastasi fece parte della Nazionale che conquistò l'Europeo nel 1968. Con la maglia azzurra collezionò 25 presenze e 8 gol. 

Catanese d'origine, si fa notare a Varese, fino all'ingaggio della Juventus - sempre nel 1968 - che per lui spende 650 milioni, cifra da capogiro ai tempi. Rimane a Torino 8 anni, per un totale di 205 partite e 78 gol. Indiscutibile il suo apporto agli scudetti vinti dalla Signora nel '72, '73 e '74. Con la Juve Anastasi disputa anche le finali di Coppa delle Fiere, nel 1971, e Coppa dei Campioni e Coppa Intercontinentale nel 1973.

Nel 1970, per colpa di un colpo al basso ventre, datogli per scherzo da un massaggiatore durante il ritiro della Nazionale, è costretto a operarsi ai testicoli e a saltare i Mondiali del Messico. 

Nel 1976, il passaggio all'Inter in cambio di Roberto Boninsegna, altro centravanti di spicco. In maglia nerazzurra per due stagioni, Anastasi vince la Coppa Italia del 1978. Poi la parabola discendente ad Ascoli e Lugano, dove chiude la sua carriera, giocando 338 match e segnando 105 gol. Lasciato il campo, continua nel mondo del calcio con una breve esperienza da allenatore delle giovanili. Poi approda in tv come commentatore. Tre anni fa la diagnosi della malattia che non gli ha lasciato scampo.