ROMA Cento giorni per avere la versione aggiornata a Omicron del vaccino PfizerBioNTech. "I primi lotti del vaccino aggiornato – hanno annunciato le due aziende – si prevede che saranno pronti per la consegna entro 100 giorni e potranno essere consegnati già nel mese di marzo 2022". Le due aziende annunciano di...

ROMA

Cento giorni per avere la versione aggiornata a Omicron del vaccino PfizerBioNTech. "I primi lotti del vaccino aggiornato – hanno annunciato le due aziende – si prevede che saranno pronti per la consegna entro 100 giorni e potranno essere consegnati già nel mese di marzo 2022". Le due aziende annunciano di aver testato anche "altri vaccini specifici per le varianti, che hanno prodotto titoli di neutralizzazione molto forti e un profilo di sicurezza tollerabile".

Pfizer e Biontech rendono poi noto di aver avviato in precedenza studi clinici con vaccini specifici per varianti (Alpha, Beta, Delta e AlphaDelta Mix) e che "i dati di questi studi saranno presentati alle agenzie di regolamentazione di tutto il mondo per aiutare ad accelerare il processo di adattamento del vaccino e ottenere l’autorizzazione normativa o l’approvazione di un vaccino specifico per Omicron, se necessario".

Le aziende avevano precedentemente annunciato che prevedono di produrre quattro miliardi di dosi del proprio vaccino (BNT162b2) nel corso del 2022 e "questa capacità non dovrebbe cambiare se sarà necessario un vaccino adattato".

Tre dosi dell’attuale vaccino PfizerBioNTech, hanno sottolineato le due aziende, sono peraltro già in grado di neutralizzare la variante Omicron del Coronavirus. "Sebbene due dosi del vaccino siano in grado di offrire una protezione contro la malattia grave indotta dalla variante Omicron – ha affermato l’amministratore delegato di Pfizer, Albert Bourla (nella foto) – è chiaro da questi primi dati che la protezione viene migliorata con una terza dose del nostro vaccino".