L'autocertificazione servirà per il pass spostamenti
L'autocertificazione servirà per il pass spostamenti

Roma, 20 aprile 2021 - Oggi il Comitato tecnico scientifico (Cts) si riunisce e tra gli argomenti all'ordine del giorno anche una delle novità più importanti annunciate dal premier Mario Draghi: il pass che ci consentirà gli spostamenti anche tra le regioni arancioni e rosse. L'ipotesi che prende quota in queste ultime ore è quella che dal 26 aprile - in attesa che sia materialmente  diponibile il nuovo pass (si pensa a una tessera magnetica) -  ci si possa già spostare con l'autocertificazione. Vediamo i dettagli.

Covid, i dati del 21 aprile sui contagi in Italia. Bollettino Coronavirus

I criteri

Dal 26 aprile torneranno ad essere liberi gli spostamenti tra le regioni gialle (qui le regioni che hanno già i numerianche per motivi di turismo. Di più il governo ha previsto che ci si potrà spostare anche tra le regioni di diverso colore (quindi arancioni e rosse) a tre condizioni: essere vaccinati con la doppia dose, oppure aver fatto un tampone (molecolare o antigenico) nelle 48 ore precedenti con esito negativo, oppure aver avuto il Covid da meno di sei mesi ed essere guariti.

Il pass

Il pass dovrà contenere tutte queste informazioni. Ma si discute ancora come sarà in concreto: l'ipotesi più plausibile è che si tratti di una tessera magnetica che conterrà i nostri dati aggiornati. Tipo il green pass europeo che si vuole operativo dall'estate. E' di tutta evidenza che una simile operazione è tecnicamente impossibile da realizzare entro il 26 aprile. Allora nei giorni scorsi si era fatta strada l'idea di consentire dal 26 aprile solo gli spostamenti fra regioni gialle e di rimandare gli altri.

Covid oggi in Italia: i dati nel bollettino del 20 aprile

L'autocertificazione

Nelle ultime ore però si è fatta strada un'altra ipotesi: spostamenti tra regioni di diversi colore possibili fin dal 26 aprile. Dovremo però avere con noi l'autocertificazione alla quale dovremo allegare l'attestato che certifichi una delle tre condizioni: o il certificato vaccinale che ci viene rilasciato dopo la vaccinazione e che viene anche messo online automaticamente nel nostro fascicolo sanitario elettronico; o l'esito del tampone, oppure un certificato medico nel caso della guarigione.