Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
19 giu 2022

Parsimonia, razionamento, villeggiatura

19 giu 2022
michele brambilla
Cronaca
featured image
featured image
Michele Brambilla
featured image
featured image
Michele Brambilla

Chi ha una certa età ricorderà parole antiche e scomparse: screanzato, furfante, sacripante, appropinquarsi, cinematografo, corriera, scollacciata, vattelapesca, putacaso. Erano correnti nel vocabolario dei nostri nonni. Quando volevano segnalarci un termine curioso, tiravano fuori zuzzurellone, già allora desueto; la parola più lunga della lingua italiana era precipitevolissimevolmente, surclassata poi da Mary Poppins: supercalifragilistichespiralidoso.
Ogni tanto però la storia si incarica di far tornare attuali alcune di queste parole dimenticate. La crisi dei giorni nostri ne ha riesumate tre: parsimonia, razionamento, villeggiatura.

Cominciamo dalla prima. Mentre i politici pensano alle alleanze per le prossime elezioni, e qualcuno si illudeva pure che gli italiani si appassionassero al numero di firme necessarie per candidarsi al Csm, la gente comune sta sempre più attenta a quanta roba mettere nel carrello della spesa: sarà tutto necessario? I prezzi che salgono e gli stipendi che scendono ci fanno riscoprire il valore della parsimonia. Mio nonno, che era stato operaio e aveva fatto due guerre, non aveva scordato i tempi delle ristrettezze neppure quando era riuscito ad avere una casa sua e perfino una piccola fabbrica di cappelli: faceva il caffè due o tre volte con lo stesso macinato nella cuccuma e la sera c’era sempre la minestra dove si metteva dentro tutto quello che oggi buttiamo via. Il pane, ad esempio.

“Razionamento” era un termine del tempo di guerra: oggi torna attuale per l’acqua, per il gas, per il grano. Stiamo attenti a quanto teniamo acceso il condizionatore e alle bollette della luce, così come al pieno di benzina, ormai arrivata quasi agli stessi prezzi del sangiovese. Siamo quindi a una sorta di auto-razionamento.

Anche “villeggiatura” era una parola scomparsa, spazzata via dalle vacanze, e poi dai viaggi esotici, e dalle settimane bianche, e dai weekend a Londra e a Parigi. Oggi sempre più persone prendono in affitto case in campagna, o in Appennino, per stare al fresco senza spendere troppo. I bambini riscopriranno lo stare in campagna: il verde, gli animali, i rumori misteriosi della notte. Non si stava meglio quando si stava peggio, e speriamo tutti che questa guerra duri poco e si porti via la malamorte e la malattia, come nella canzone di De Gregori. Però non è detto che la riscoperta di certe parole sia un male.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?