Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
22 set 2019

Povero italiano, tremila parole in estinzione

L'allarme: "Abbandonate dai giovani". campagna contro il lessico impoverito 

22 set 2019
simona ballatore
featured image
Alessandro Manzoni, ritratto di Francesco Hayez
featured image
Alessandro Manzoni, ritratto di Francesco Hayez

Milano, 22 settembre 2019 - Spunta un fiorellino accanto a 3.126 parole: l’invito è a coglierlo, seguendo l’esempio del padre dell’italiano moderno, Alessandro Manzoni. Perché se sul dizionario Zingarelli ci sono pure parole contrassegnate con la croce, arcaiche e preziose, "quelle le ha già salvate Dante, mentre le altre 3.126 sono più fragili e rischiano di essere abbandonate, soprattutto dai più giovani". Parola di Mario Cannella, lessicografo. E così ecco trifogli accanto ad alterco, boria, assorto, laconico, adombrarsi, recalcitrare, leccornìa ("occhio all’accento o non ci si leccano i baffi e le dita"). "Sono alcune delle parole che suggerirei a un giovane di approfondire e, soprattutto, di usare – sottolinea il lessicografo –. Lavorandoci sopra ci si accorge che non è solo un problema di eleganza, dietro ciascuna c’è una storia". Un invito, lanciato dall’editore Zanichelli, che è stato diramato anche a Milano, nella settimana della moda, e che è pronto a raggiungere altre cinque città: le parole da salvare vanno in tournée e approderanno nell’AreaZ – zona a lessico limitato – di Torino, Firenze, Bologna, Bari e Palermo. Nel capoluogo lombardo sfoggiano già su capi di moda "impavido", "impetuoso", "illogico", "vivido" e "radioso": il marchio MSGM ne ha fatto una collezione mentre un’installazione-vocabolario propone una cinquina di termini alla volta.

"C’è un margine di discrezionalità nella scelta di questi fiori – ricorda Cannella –, su un 10-15% si può aprire una discussione, io mi diverto a testarle anche col mio nipotino di 13 anni: "Cosa significa indefesso?". Gli occhi si sgranano davanti all’instancabile lessicografo, alle prese con le mille sfumature della lingua italiana e con un sogno: che ogni scuola sfogliando il dizionario colga almeno un fiorellino, andando a indagare l’etimologia fra le parentesi quadre. «Io ho scelto di salvare ‘alterco’ – racconta – perché nell’etimologia ha l’altro. È sì uno scambio di insulti, ma in origine significava discutere con l’altro e, per farlo, devi essere almeno in due". E che dire di ‘boria’? "Da buon triestino quale sono – confessa – ‘boria’ ha la stessa etimologia di ‘borea’. Vuol dire superbia, indica uno che si vanta, che si dà delle arie, appunto". Con ‘laconico’ si risfoglia la storia di Atene e Sparta: «‘Laconia’ era una ragione di Sparta – spiega Cannella – e gli spartani, contrariamente dagli ateniesi, parlano poco". Strizzano l’occhio al mondo animale ‘adombrarsi’ ("che ha a che fare con il cavallo, che vede l’ombra e si spaventa") e ‘recalcitrare’ ispirato al movimento del cavallo o del mulo quando punta le zampe posteriori e non vuole proprio arrendersi.

"Schivo è un’altra bellissima parola che riteniamo da salvare – spiegano dalla Zanichelli – la usava nel 1313 anche Dante. Perché affidarsi a un ‘timido’ che copre tutto se ci sono le sfumature?".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?