Roma, 4 luglio 2021 - Papa Francesco "ha reagito bene" all'intervento chirurgico programmato per stenosi diverticolare sintomatica del colon. La comunicazione è stato diffuso alle 23.45 dal portavoce vaticano Matteo Bruni dopo l'operazione effettuata all'ospedale Gemelli di Roma, dove il pontefice era giunto verso le 15 del pomeriggio con un ridottissimo seguito composto dall'autista e da uno stretto collaboratore. "Il Santo Padre ha reagito bene all'intervento condotto in anestesia generale ed eseguito dal professore Sergio Alfieri, con l'assistenza del Prof. Luigi Sofo, del dott. Antonio Tortorelli e della dott.ssa Roberta Menghi", ha detto ancora Bruni. 

Bergoglio trascorrerà la notte al Gemelli e, da quanto trapela, la sua degenza nel policlinico universitario durerà "almeno cinque giorni". Il pontefice, 85 anni a dicembre, è ricoverato al decimo piano del nosocomio, negli stessi ambienti di altri ricoveri papali, come quelli di Giovanni Paolo II. E' il primo ricovero del suo pontificato. Karol Wojtyla era talmente oggetto di analisi, controlli e interventi che, non senza senso dell'humour, definì il Gemelli "il terzo Vaticano" dopo San Pietro e Castel Gandolfo. 

Nell'ospedale capitolino già da stamani si poteva notare una mobilitazione generale per organizzare al meglio la struttura in attesa dell'arrivo di Francesco. Ma quando il Papa ha fatto il suo ingresso nel Policlinico, nessuno dei degenti si è accorto che qualcosa di particolare stesse accadendo. Anche gran parte del personale, esclusi i medici direttamente coinvolti, non era a conoscenza del ricovero e dell'intervento programmato del pontefice. Subito dopo la notizia, le prime troupe tv sono giunte nel piazzale del Gemelli, già presidiato da pattuglie della polizia municipale. 

Sommario

false

Cos'è la stenosi diverticolare

La patologia di cui soffre il Papa e per cui sarà sottoposto a intervento chirurgico è una conseguenza della diverticolite, infiammazione dei diverticoli del colon, che negli anziani può condurre a un restringimento del lume, impedendo il passaggio delle feci. "A volte - spiega il professor Giuseppe Pappalardo, docente di chirurgia generale all'Università La Sapienza di Roma - si procede nei casi di forte infiammazione, con la terapia medica, ma poi spesso si risolve con l'intervento chirurgico. Si tratta di una operazione che prevede la resezione della parte compromessa. Dopo l'intervento, il paziente resta in ospedale per almeno una decina di giorni. Sono operazione di una certa importanza - ha spiegato il medico - ma frequenti". (Stenosi diverticolare del colon, qui l'approfondimento).

La salute del Papa

Ha 21 anni quando Jorge Maria Bergoglio viene operato a Buenos Aires a seguito di una grave forma di polmonite.  Gli viene asportato il lobo superiore del polmone destro a causa di tre cisti. Data la scarsità di antibiotici, a quell'epoca infezioni fungine o polmoniti vengono curate chirurgicamente. Quell'intervento del 1957 è uno dei motivi per cui, nel Conclave del 2013, i vaticanisti escludono Bergoglio dalla lista dei papabili.  "Quando mi sono ripreso dall'anestesia, il dolore che sentivo era molto intenso", raccontava il Papa pochi anni fa a proposito di quella operazione. "Non è che non fossi preoccupato, ma ho sempre avuto la convinzione che sarei guarito", aggiungeva sottolineando: "Non ho mai sentito alcuna limitazione nelle mie attività", compresi i diversi viaggi internazionali. "Non ho mai dovuto limitare o cancellare" nessuna delle attività programmate, né "mai provato affaticamento o mancanza di respiro (dispnea). Come mi hanno spiegato i medici, il polmone destro si è espanso e ha coperto tutto l'emitorace omolaterale".

Francesco soffre anche di sciatalgia, un problema ricorrente che a volte gli crea difficoltà (mai nascoste) anche nel camminare o nell'inginocchiarsi. Un riacutizzarsi dei problemi al nervo sciatico, tra fine 2020 e inizio 2021, ha costretto Francesco a saltare alcune alcune celebrazioni nella basilica di San Pietro.

Due anni fa, in gran segreto, Bergoglio si è sottoposto a un piccolo intervento di cataratta agli occhi alla Clinica Pio XI, a Roma. Un'operazione resasi necessaria per via dell'età, seppur routinaria, annunciata l'anno prima durante la visita al carcere di Regina Coeli. "Uno sguardo rinnovato fa del bene perché, per esempio, alla mia età arrivano le cataratte e non si vede bene la realtà. Il prossimo anno mi devo far operare", aveva detto nell'occasione ai detenuti. 

Papa Francesco oggi all'Angelus

Il Papa questa mattina ha partecipato all'Angelus in Piazza San Pietro. Parlando dalla finestra del Palazzo Apostolico, ha annunciato che dal 12 al 15 settembre sarà "in Slovacchia per fare una visita pastorale". Applausi dai fedeli riuniti sotto il colonnato del Bernini, con Francesco che ha scherzato: "Sono contenti gli slovacchi". 

(L'articolo prosegue sotto la foto)

Papa Francesco durante l'Angelus del 4 luglio (Ansa)

Se il programma definitivo sarà reso noto solo più avanti, già si può apprezzare come la 'road map' del viaggio che avrà ritmi serrati. "Prima (la mattina del 12 settembre, ndr) concelebrerò in Budapest la messa conclusiva del Congresso eucaristico internazionale", ha spiegato Francesco questa mattina. Quindi il trasferimento in Slovacchia per visitare le città di Bratislava, Prešov, Košice e Šaštin. "Ringrazio di cuore quanti stanno preparando questo viaggio e prego per loro", ha aggiunto il pontefice all'Angelus. "Preghiamo tutti per questo viaggio e per le persone che stanno lavorando per organizzarlo". Quindi il saluto "con affetto" e "specialmente agli slovacchi".

Mattarella

Un messaggio di vicinanza al Papa arriva dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. "Santità, atterrato a Parigi per la Visita di Stato che mi accingo a iniziare nella vicina e amica Francia, ho appreso del suo ricovero al Policlinico Gemelli", scrive Mattarella. "L'affettuoso pensiero degli italiani tutti, di cui mi faccio interprete unendovi il mio personale, accompagna in queste ore Vostra Santità, unitamente ai più cordiali auguri di buona convalescenza e ancor migliore e pronta guarigione". Giornalisti, fotografi e cameraman fuori dal Gemelli (Ansa)

La notizia sui media internazionali

Pochi minuti dopo le prime conferme dal Vaticano, ecco che la notizia del ricovero di papa Francesco rimbalza sui principali media internazionali. La Cnn pubblica sul suo sito come breaking news il comunicato del portavoce vaticano, sottolineando che il ricovero è avvenuto poco dopo la celebrazione dell'Angelus domenicale. Nell'articolo si precisa fra l'altro che la stenosi del colon "è una condizione comune che colpisce più della metà degli adulti negli Stati Uniti, secondo il National Institutes of Health, in particolare anziani". Anche Abc, Cbs e Nbc danno la notizia. 

Gli aggiornamenti sulla salute di Francesco sono in in evidenza anche sui siti della Bbc, del Guardian e del New York Times, che sottolinea come sia la prima volta che il pontefice viene ricoverato in ospedale da quando è diventato papa. Le condizioni di Papa Francesco compaiono in primo piano ovviamente pure sui giornali argentini (Il Clarìn posta una foto di Bergoglio all'Angelus spiegando nel titolo che ''è stato ricoverato per una operazione al colon'') e sulla spagnola Vanguardia. Meno risalto viene dato dai media francesi e tedeschi.  L'intervento del Pontefice trova risalto anche in Medioriente. L'emittente pan-araba al-Arabiya la diffonde sia in inglese, sia in arabo. Stessa linea dell'emittente libanese Lbci e quotidiano di Beirut Daily Star. In Asia, la notizia campeggia sulle prime pagine dei media delle Filippine e sul Times of India.

false