1 Finto regista, finto talent scout, finto titolare di agenzia di moda, finto capo casting. Ogni volta sceglieva un ruolo diverso, ma l’unica cosa vera e costante erano le molestie alle aspiranti attrici che finivano nella sua rete. Claudio Marini, 48enne di Frosinone, è stato arrestato dalla Squadra mobile di Milano per quattro episodi avvenuti nel capoluogo lombardo tra gennaio e luglio 2020. L’uomo era stato raggiunto lo scorso 12 agosto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per uno stesso reato commesso a Roma.

Il copione, è il caso di dirlo, era sempre uguale. Agganciava le vittime attraverso siti di annunci per casting utilizzando il riferimento accattivante della Trend Communications, un’agenzia fantasma di cui si spacciava per titolare e che esiste solo come pagina web; proponeva provini per film di prossima produzione ("La forza dell’amore", "Miele amaro") e poi selezionava le candidate.

L’indagine è iniziata con la prima denuncia del 12 luglio scorso presentata in procura da una 18enne. Nell’aprile 2020, in pieno lockdown, la ragazza aveva risposto a un annuncio, incontrando l’uomo, sedicente responsabile dei casting, una prima volta senza problemi e poi, al secondo ’provino’, era stata invitata "a spogliarsi e a mettersi sotto le coperte", che ha cercato di palpeggiarla. Un modus operandi riportato dal altre ragazze tra i 23 e i 29 anni.