Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
12 gen 2022

Covid, Italia bloccata e ricoveri gonfiati. Ecco perché serve il modello spagnolo

Isteria tamponi, 2 milioni di italiani in quarantena. Ma il 34% dei pazienti Covid è in ospedale per altre patologie

12 gen 2022
raffaele marmo
Cronaca
featured image
Grafico: Gli italiani e la pandemia
featured image
Grafico: Gli italiani e la pandemia

Roma, 12 gennaio 2022 - Trattare il virus come una "influenza stagionale" e fermare l’impossibile tracciamento e confinamento dei contagiati e dei contatti stretti. Due nuove chiavi di lettura e di azione per una ritrovata "normalità" senza isterie, fondata sulla "convivenza" con il Covid ultima versione, si fanno strada in Europa e, forse, anche in Italia. L’obiettivo è quello di evitare il panico, non fermare la ripresa della vita sociale e economica, impedire la paralisi delle attività e la "prigionia burocratica" di milioni di connazionali. La proposta non arriva da un simpatizzante No Vax e neanche da un sovranista scettico aperturista a ogni costo, ma dal premier spagnolo, il socialista Pedro Sánchez, che ha spiegato come, tenendo conto dello scarto rilevante tra numero di contagi e numero di morti per Covid, ci siano le condizioni per passare da un quadro di "pandemia" a uno di "malattia endemica". Bollettino 12 gennaio Gismondo: "Gestiamo il Covid come l’influenza" Green pass: rebus servizi essenziali. Quali sono le categorie in ballo Un popolo in quarantena A spingere nella direzione del modello Sánchez sono molteplici fattori. Partiamo dall’impossibilità di ogni tracciamento. Basti pensare che ufficialmente i positivi in Italia sono più di 2 milioni. Ma la cifra rischia di rivelarsi un numero al lotto. "Non è possibile che praticamente nessuno dei 2 milioni di italiani che è risultato infetto dopo il 20 dicembre non sia stato ancora liberato – ha spiegato l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco –. È evidente che è saltato il tracciamento". Il problema è che tra i due milioni vi sono centinaia di migliaia di italiani che sono di fatto "prigionieri" della burocrazia sanitaria: perché non hanno ancora ricevuto il certificato che interrompe la quarantena oppure non hanno avuto il rinnovo del Green Pass da parte del ministero alla Salute. Cacciari e terza dose, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?