Venerdì 19 Luglio 2024

Orsa JJ4 killer del runner Andrea Papi, gli animalisti: decreto di abbattimento sospeso dal Tar. Cosa succede ora

Le associazioni avevano presentato ricorso anche contro il secondo atto del presidente Fugatti

Trento, 2 maggio 2023 – Nuova sospensiva del Tar per il decreto di abbattimento dell’orsa JJ4, che il 6 aprile ha ucciso il runner Andrea Papi, 26 anni, nei boschi di Caldes, in Trentino. Ne danno notizia le associazioni animaliste.

Orsa JJ4, la cattura
Orsa JJ4, la cattura
Approfondisci:

Orsi morti in Trentino, i numeri. Lo zoologo: perché si uccidono tra loro

Orsi morti in Trentino, i numeri. Lo zoologo: perché si uccidono tra loro

"Il Tribunale regionale di giustizia amministrativa di Trento, in sede monocratica, ha sospeso - accogliendo il ricorso presentato dalle associazioni Enpa, Leidaa e Oipa - l’efficacia del decreto con cui il presidente della Provincia Maurizio Fugatti dispone l’abbattimento dell’orsa JJ4, considerata responsabile della morte del runner Andrea Papi e attualmente detenuta nel centro faunistico del Casteller. Fino alla data della prossima udienza collegiale, la Provincia non potrà dunque procedere all’abbattimento”, scrivono gli animalisti in un comunicato.

Che cosa aveva previsto il decreto di Fugatti

Il decreto di Fugatti, osservano le associazioni, non è solo assurdo nel contenuto e non adeguatamente motivato, ma rappresenta anche una vera e propria sfida al ministero dell’Ambiente, contrario alla soppressione di JJ4, che ha istituito un “tavolo tecnico” per l’elaborazione di una nuova strategia sulla gestione degli orsi e mostra di aver ben presente il principio di tutela dell’ambiente, della biodiversità, degli ecosistemi e degli animali sancito dal nuovo articolo 9 della Costituzione. Fugatti invece procede per conto proprio, come se gli orsi fossero sua proprietà, come se l’art. 9 non esistesse e ignorando completamente la mobilitazione di milioni di italiani contrari all’abbattimento.