20 feb 2022

Orrore nel capannone, spuntano feti dai barili

Bologna, indagato il titolare dell’edificio per illecito nel trattamento di rifiuti speciali. I resti potrebbero provenire da un museo universitario

nicoletta tempera
Cronaca
A ritrovare casualmente il materiale un giovane Sinti che fa il robivecchi e cercava oggetti abbandonati
A ritrovare casualmente il materiale un giovane Sinti che fa il robivecchi e cercava oggetti abbandonati
A ritrovare casualmente il materiale un giovane Sinti che fa il robivecchi e cercava oggetti abbandonati

di Nicoletta Tempera GRANAROLO (Bologna) Nel liquido sporco, un corpicino non nato di cinque, al massimo sei mesi. E poi un altro, morto forse all’ottavo mese di gravidanza. E altri e altri ancora. È l’orrore che si disvela nella noncuranza dell’abbandono quello scoperchiato nel Bolognese, a Granarolo dell’Emilia, dalla polizia. Che, mercoledì sera, ha posto sotto sequestro una quarantina di fusti, contenenti feti e altri resti umani, stoccati tra ferri vecchi e mobili da buttare in un capannone della zona industriale. La scoperta choc è stata casuale: è stato un ragazzo di origine sinti, che per arrotondare fa il robivecchi recuperando il ferro dalle aziende della zona, a chiamare i poliziotti. Nel pomeriggio era andato nel capannone di via dell’Artigianato. E qui, stando a quanto il giovane ha raccontato, il titolare del magazzino, che si occupa di svuotare locali e cantine, gli avrebbe proposto di portarsi via i barili gialli, tutti contrassegnati dal simbolo dei rifiuti biologici speciali. Lui, però, curioso di capire cosa contenessero, prima di accettare ne ha aperto uno. E quello che ha visto lo ha terrorizzato. Malgrado ciò, ha filmato la scena col cellulare. E poi ha dato l’allarme. Quando gli agenti della Squadra mobile sono arrivati nel capannone, all’inizio quasi non ci credevano. Ma scorto il contenuto di uno dei barili, hanno immediatamente chiesto l’intervento del Nucleo Nbcr dei vigili del fuoco, specializzato anche ad affrontare il rischio batteriologico. L’area è stata posta sotto sequestro e così tutti i barili. Sul posto è arrivata anche la polizia Scientifica. E sono partite, nel massimo riserbo, le indagini. È stato subito chiaro che quei poveri resti provenivano da un laboratorio o da ambiente ospedaliero. E così le verifiche hanno preso quella direzione. È stato ascoltato il personale dell’ospedale Sant’Orsola, per chiarire come avvenisse lo smaltimento di questo tipo di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?