L’esploratore degli abissi, un avvocato dell’Idaho, si è messo in testa di andare a riprendere la voce del Titanic, il telegrafo di Guglielmo Marconi ancora imbullonato al relitto del transatlantico. Un giudice della Virginia ha dato il via libera alla spedizione di RMS Titanic Inc, la compagnia americana che ha storicamente i diritti di recupero sui reperti. L’apparato Marconi "ha un valore storico, educativo, scientifico e culturale che rischia di andare perso", ha scritto il giudice Rebecca Beach Smith, mettendo forse la parola fine...

L’esploratore degli abissi, un avvocato dell’Idaho, si è messo in testa di andare a riprendere la voce del Titanic, il telegrafo di Guglielmo Marconi ancora imbullonato al relitto del transatlantico. Un giudice della Virginia ha dato il via libera alla spedizione di RMS Titanic Inc, la compagnia americana che ha storicamente i diritti di recupero sui reperti. L’apparato Marconi "ha un valore storico, educativo, scientifico e culturale che rischia di andare perso", ha scritto il giudice Rebecca Beach Smith, mettendo forse la parola fine a una guerra infinita e considerando la missione un’opportunità unica. Se sarà necessario, si potrà tagliare lo scafo. Il 23 giugno l’ultimo atto (per ora): dopo che il governo aveva cercato di bloccare il progetto in extremis – e si era levata di nuovo la voce di archeologi e studiosi contrari a disturbare il gigante –, il giudice è rimasto della stessa idea e l’ha ribadita in una nuova sentenza. "Troppo tardi, è come piangere sul latte versato. Stiamo organizzando la missione per agosto", manda a dire agli avversari David Concannon, legale della compagnia, ma prima di tutto subacqueo. Il sorriso di uno che pare maledettamente felice per quello che fa, lavorare e guadagnare con la passione di una vita.

Concannon risponde dal suo studio di Sun Valley. "La spedizione sarà ad agosto – è certo –. Il telegrafo simboleggia l’eroismo degli operatori radio e la storia delle ultime ore del Titanic. Prima i pezzi saranno restaurati poi faranno il giro del mondo. Dove sono gli altri reperti recuperati? Esposti nelle mostre e in un locale di Atlanta. Se l’opposizione del governo degli Stati Uniti è un problema? No, questo è quel che si dice ‘piangere sul latte versato’. Troppo tardi".

Per recuperare i reperti sarà usato un sommergibile da remoto che entrerà dal lucernario del relitto. L’avvocato esploratore ha fama di uomo delle imprese impossibili. Non perde un processo dal 1995, dice il curriculum. "Prendiamo i sogni e li trasformiamo in realtà", il motto della sua società, Explorer Consulting – The Business of Exploration. Mister Amazon Jeff Bezos lo ha preso in parola, ingaggiandolo per ritrovare i motori del razzo Saturno che nel ’69 spedì in orbita l’Apollo 11 e l’uomo sulla Luna. Fatto: nel marzo 2013 la squadra ne riportò a casa due. Concannon ha esplorato i misteri del Triangolo delle Bermuda, sulle tracce dei naufragi più profondi del mondo, e ha collaborato con James Cameron, il regista di ’Titanic’, il film cult del ’97, per un documentario sulla sciagura più famosa della storia. Ma il telegrafo potrebbe arrivare in mostra anche a Bologna, da dove tutto è partito? "Può essere, chissà, dipende da molte cose, ad esempio le sedi", non chiude all’idea.