Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
2 nov 2020

"Ora basta, noi anziani vittime due volte". De Rita: autosegregarci? Spieghino perché

Il sociologo 88enne denuncia il caos comunicativo. "Imperversano i virologi e lo Stato non chiarisce. Ma tutti i malati hanno gli stessi diritti"

2 nov 2020
giovanni rossi
Cronaca
Il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis, è nato a Roma il 27 luglio del 1932
Il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis, è nato a Roma il 27 luglio del 1932
Il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis, è nato a Roma il 27 luglio del 1932
Il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis, è nato a Roma il 27 luglio del 1932
Il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis, è nato a Roma il 27 luglio del 1932
Il sociologo Giuseppe De Rita, tra i fondatori del Censis, è nato a Roma il 27 luglio del 1932

"Le dispiace se ci sentiamo dopo? Ora sto andando a messa". La domenica pomeriggio di Giuseppe De Rita, 88 anni vissuti con dinamico giudizio, prevede vita sobria ma orari forse incompatibili con le ipotesi più restrittive allo studio del governo. Il fondatore ed ex presidente del Censis è l’uomo giusto per penetrare il dibattito intergenerazionale innescato dalla pandemia. Professore, che effetto produce questo faro speciale acceso sugli anziani? "Confusione. Solo altra confusione che moltiplica l’incertezza. Gli anziani ne sono vittime due volte, perché nella società tradizionale erano custodi della saggezza popolare: ora che la saggezza si è persa, ascoltano – stupiti – una Babele di voci incontrollate, accusando anche la perdita di ruolo". "Non indispensabili allo sforzo produttivo", ha scritto il presidente della Liguria Giovanni Toti – salvo retromarcia. Gli over 70 fanno paura? "Credo e spero di no. La mia esperienza personale e quella dei miei amici racconta tutta un’altra dimensione impastata di grande coesione intergenerazionale. Nessun nipote ci vede come monopolizzatori di terapie intensive, nessun nonno pensa di vantare diritti speciali per aver lavorato una vita fino alla pensione". Eppure la senatrice Udc Paola Binetti paventa rischi di "eutanasia sociale". "Rischi che non vedo. La nostra Costituzione ci mette al riparo da ogni decadenza di valori. Di fronte al Covid esistono solo pazienti con pari diritti. Mi creda: noi italiani siamo migliori di come ci dipingiamo". Secondo il professor Remuzzi, per convincere gli over 70 a proteggersi con più attenzione dal virus, basterebbe adombrare che "in rianimazione, uno su due morirà". Parole troppo pesanti? "La qualità della fonte è notevole, ma questo messaggio difetta di argomentazioni e spiegazioni. Gli anziani dovrebbero stare a casa per non essere contagiati? Per non contagiare gli altri? O dovrebbero autosegregarsi da figli e nipoti e fino a quando? Una comunicazione così avara ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?