Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
30 mar 2022

Omicidio Sacchi, condannata anche la fidanzata

Ventisette anni al killer, tre invece ad Anastasiya per droga. I genitori di Luca: "Giustizia è fatta, ma lei non si è mai scusata con noi"

30 mar 2022
Luca Sacchi è stato ucciso a 24 anni. Nella foto è con l’allora fidanzata Anastasiya Kylemnyk, oggi 28 enne
Luca Sacchi è stato ucciso a 24 anni. Nella foto è con l’allora fidanzata Anastasiya Kylemnyk, oggi 28 enne
Luca Sacchi è stato ucciso a 24 anni. Nella foto è con l’allora fidanzata Anastasiya Kylemnyk, oggi 28 enne
Luca Sacchi è stato ucciso a 24 anni. Nella foto è con l’allora fidanzata Anastasiya Kylemnyk, oggi 28 enne
Luca Sacchi è stato ucciso a 24 anni. Nella foto è con l’allora fidanzata Anastasiya Kylemnyk, oggi 28 enne
Luca Sacchi è stato ucciso a 24 anni. Nella foto è con l’allora fidanzata Anastasiya Kylemnyk, oggi 28 enne

ROMA

Tre condanne per concorso nell’omicidio volontario di Luca

Sacchi, tre anni di reclusione per Anastasiya Kylemnyk, l’ex fidanzata accusata di violazione della legge sugli stupefacenti. È quanto deciso dai giudici della prima Corte d’Assise di Roma in merito all’omicidio del personal trainer finito con un colpo di pistola alla testa la notte tra il 23 e 24 ottobre del 2019 nel corso di una rapina. I giudici hanno accolto sostanzialmente l’impianto accusatorio infliggendo 27 anni a Valerio Del Grosso, la persona che sparò a bruciapelo a Sacchi, e 25 anni a Paolo Pirino, che partecipò all’azione omicidiaria. Stessa condanna a Marcello De Propris, che consegnò l’arma usata per sparare. Assolto Armando De Propris, padre di Marcello, accusato della detenzione della pistola. I giudici, dopo oltre 10 ore di camera di consiglio, hanno disposto una provvisionale di oltre 1 milione di euro in favore della famiglia Sacchi e una multa di 30 mila per Anastasiya. "Ci riteniamo soddisfatti, non c’è stato l’ergastolo ma 27 anni sono tanti – ha commentato a caldo Alfonso Sacchi, padre della vittima –. È stata fatta giustizia. Di Anastasiya non so più che dire, da lei mai una parola. In aula con noi si è scusato solo Armando De Propris, lei no". La madre di Sacchi, Tina Galati, si è limitata a dire, visibilmente commossa, che "l’ergastolo lo hanno dato a noi a vita, Luca è morto per aiutare Anastasiya e questo dovrebbe ricordarselo a vita".

L’omicidio di Sacchi si è consumato nell’ambito di una trattativa intercorsa tra Luca Princi, amico di Sacchi e condannato in abbreviato a 3 anni in via definitiva per violazione della legge sulla droga, e un gruppo di pusher del quartiere San Basilio. Princi avrebbe infatti messo nello zainetto che quella notte Anastasiya aveva con sè i 70 mila euro necessari all’acquisto di droga. Denaro e sostanza stupefacente mai trovate. Anche per questo il pm nel corso della requisitoria ha affermato di non sapere perché Sacchi è stato ucciso. "Il motivo a me ad oggi sfugge. Lo zaino era nelle mani di Pirino. Il grilletto è stato premuto da Valerio Del Grosso con gratuita violenza... non c’era motivo – ha detto il pm Giulia Guccione nel corso della requisitoria nel corso della quale aveva chiesto un ergastolo e due condanne a 30 anni –. Il proiettile ha trapassato la testa di Luca e non gli ha lasciato scampo". Per l’accusa Princi e Anastasiya – quest’ultima è comparsa anche come parte lesa nel processo – hanno tenuto "un comportamento ostativo all’accertamento della verità dei fatti" e in particolare la giovane "ha mentito e cambiato versione più volte" ma "per fortuna i depistaggi non hanno colto nel segno e oggi si è potuto chiarire il contesto in cui è maturato l’omicidio". Dopo la sentenza la ragazza non ha rilasciato dichiarazioni.

Alberto Pieri

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?