Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
4 gen 2022

Omaggio alla boss: Manuela Arcuri nella bufera. "Addio Pupetta, forte e coraggiosa"

Un post dell’attrice per Assunta Maresca, la camorrista morta mercoledì, che interpretò in una fiction. Insorgono i fan, centinaia i commenti polemici: "Parole vergognose, quella donna era un’assassina"

4 gen 2022
Assunta «Pupetta» Maresca e Manuela Arcuri (44 anni) nella foto postata dall’attrice
Assunta 'Pupetta' Maresca e Manuela Arcuri (44 anni) nella foto postata dall’attrice
Assunta «Pupetta» Maresca e Manuela Arcuri (44 anni) nella foto postata dall’attrice
Assunta 'Pupetta' Maresca e Manuela Arcuri (44 anni) nella foto postata dall’attrice

"Assunta Maresca, una donna coraggiosa, forte, senza paura, agiva di impeto, sbagliando più volte: "ho pagato con le mie lacrime le mie scelte!". Così racconta la sua tormentata vita, che io nel 2013 ho interpretato in una delle mie fiction di maggior successo. Addio Pupetta Rip". Firmato Manuela Arcuri, che ha affidato queste parole a un post pubblicato su Instagram con tanto di foto-ricordo a corredo. Un "post vergognoso", secondo molti. Le centinaia di commenti lasciati in calce alla frase dell’attrice laziale si possono sintetizzare così: era una camorrista, non si possono elogiare gli assassini. Pupetta Maresca, all’anagrafe Assunta, è stata la prima donna boss. Volto di spicco della camorra napoletana negli anni Ottanta, è morta il 30 dicembre scorso all’età di 86 anni. Si è spenta per una lunga malattia nella sua casa di viale Europa, a Castellammare di Stabia. Nel 1955, quando aveva 20 anni, lei, figlia di un contrabbandiere, uccise il mandante dell’omicidio del marito, Pasquale Simonetti, soprannominato "Pascalone ‘e Nola": incinta di sei mesi, sparò ad Antonio Esposito e per questo omicidio scontò in carcere 13 anni e 4 mesi. Durante la detenzione partorì il suo primo figlio, Pasqualino, cresciuto dalla nonna materna, mentre lei concludeva i suoi anni in cella, in tutto dieci, per poi essere graziata. Nel 1970 si innamorò del camorrista Umberto Ammaturo, dal quale ebbe due gemelli, Roberto e Antonella. Poi, sfidò apertamente il boss della ‘Nuova camorra organizzata’, Raffaele Cutolo. La sua vita movimentata, di donna anche molto avvenente – da adolescente vinse un premio di ‘Reginetta’ a Castellammare di Stabia – la portò nel mondo del cinema. Nel 1967 fu protagonista del film Delitto a Posillipo, diretto da Renato Parravicini, vagamente ispirato alla sua vita. In questa pellicola dette prova del suo talento di attrice e di cantante interpretando un ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?