1 nov 2020

Nuovo Dpcm, quando parla Conte. Lockdown, scuole, spostamenti e negozi: cosa ci aspetta

Raffica di incontri, si cerca la quadra. Regioni: misure uniformi in tutta Italia. I sindaci chiedono restrizioni in base all'indice Rt. Piemonte, Lombardia e Calabria: chiusi bar e ristoranti anche a pranzo, dad da seconda media. Infondate voci su limitazioni spostamenti degli over 70. Verso la chiusura dei centri commerciali nei weekend. Ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia. La firma probabilmente slitta a martedì

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte a Palazzo Chigi durante l'incontro in videoconferenza con i sindacati,  Roma, 30 ottobre 2020. ANSA/FILIPPO ATTILI UFFICIO STAMPA PALAZZO CHIGI
Giuseppe Conte (Ansa)

Roma, 1 novembre 2020 - Il nuovo Dpcm è in arrivo, l'imminente stretta per arginare il Coronavirus in Italia pare inevitabile. Le ipotesi sul tavolo sono chiusura dei centri commerciali nel fine settimana, restrizioni alla mobilità regionale e tra regioni, provvedimenti ad hoc per gli over 70 (anche se fonti del governo smentiscono questa ipotesi), coprifuoco alle 18 (Ma anche alle 21 per tutta Italia), stop agli sportelli per le scommesse in bar e tabaccherie, chiusura delle scuole in base all'indice di contagiosità Rt locale. 

Nuovo Dpcm, Conte parla alla Camera

Il D-day era fissato per lunedì sera, ma la firma vera e propria del testo da parte del premier Giuseppe Conte potrebbe non arrivare domani sera ma martedì. Il decreto quindi potrebbe slittare anche nell'entreta in vigore, prevista per martedì 3 novembre, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Al momento le certezze riguardano il passaggio del presidente del Consiglio in Parlamento: Conte parlerà alla Camera domani alle 12 e in Senato alle 17, illustrando le nuove misure. Da lì in poi ogni momento è buono per l'attesa conferenza stampa. Quando sarà, con precisione, è difficile ipotizzarlo. L'orario esatto nelle sere dei Dpcm è una chimera: lo scorso 18 ottobre i primi rumors davano Conte in diretta per le 18. Si è presentato alle 21:30, previo annuncio sui social un'ora prima. Questa volta la situazione è diversa, anche se le trattative su dove e cosa chiudere sono serrate come due settimane fa.

Approfondisci:

Coronavirus italia, l'immunologa Viola: "Lockdown per una settimana al mese"

Coronavirus Italia, il bollettino del 1 novembre

Incontro Governo-Regioni

Scontro durante la videoconferenza di questa mattina tra i ministri Boccia, Speranza e gli enti locali. Alcune Regioni hanno chiesto di limitare gli spostamenti per gli over 70.  I governatori, in generale invocano misure uniformi in tutto il Paese. L'emergenza "è diffusa in tutta Italia", sottolinea il presidente della Conferenza Stato-Regioni, Stefano BonacciniAttilio Fontana su Facebook spiega: "Una serie di interventi territorio per territorio, polverizzati e non omogenei, sarebbero probabilmente inefficaci e anche incomprensibili ai cittadini, che già oggi sono disorientati". Di diverso avviso i sindaci che chiedono restrizioni sulla base del rischio, ovvero dell'indice Rt. Se il valore sale, scattano le limitazioni, se scende, si allentano. Anche il premier Conte sarebbe orientato a modulare le restrizioni in base alla diffusione territoriale del Covid, più che a varare provvedimenti di carattere nazionale. "Speriamo stavolta sia davvero condiviso", l'auspicio-appello il governatore della Sicilia, Nello Musumeci. 

Boccia ha convocato un nuovo vertice per domani mattina alle 9. Il ministro della Salute Speranza, in un'intervista al Corriere, è stato categorico: "Abbiamo 48 ore per provare a dare una stretta, o pieghiamo la curva dei contagi o andiamo in difficoltà", le sue parole.  Nel pomeriggio Conte ha visto i capi delegazione e i capigruppo. No del centrodestra a un tavolo bipartisan: "E' tardi". Il Cts, riunitosi ieri, ha chiesto chiusure provinciali là dove necessario, e di rivedere il trasporto pubblico. Diverse città andranno in lockdown, a questo punto pare chiaro. E saranno quelle dove l'indice Rt è più alto. Ma attenzione: se fino a poche ore fa la strategia delle chiusure localizzate sembrava la via tracciata, il pressing dei governatori potrebbe cambiare le carte in tavola. Atteso il giro di vite sugli spostamenti tra Regioni, mentre si fa largo l'idea di istituire hotel Covid per chi è positivo e rischia di contagiare i familiari. Ecco, di seguito, le opzioni su cui si sta ancora ragionando in queste ultime, frenetiche, ore. 

No limitazioni over 70 

Le voci e le notizie su presunte ipotesi allo studio di introdurre, nel prossimo dpcm, misure restrittive della mobilità per gli anziani ultrasettantenni, sarebbero del tutto infondate, lo asicurano alle agenzie fonti del governo, che sottolineano che "non esiste" alcuna ipotesi di questa natura.  La proposta avanzata da alcune Regioni, nell'incontro di stamattina con Boccia e Speranza, era quella di limitare gli spostamenti degli over 70, così da ridurre la diffusione del Coronavirus. In particolare, secondo quanto si apprende, la richiesta sarebbe stata avanzata da Lombardia, Piemonte e Liguria. "Il Paese non può permettersi un nuovo lockdown", scrive il governatore ligure Giovanni Toti sui social. "Proteggendo i nostri anziani di più e davvero, la pressione sugli ospedali e il numero dei decessi diventerebbero infinitamente minori", aggiunge.  "Sarebbe folle richiudere in casa tanti italiani per cui il Covid normalmente ha esiti lievi, bloccare la produzione del Paese, fermare la scuola e il futuro dei nostri giovani e non considerare alcun intervento su coloro che rischiano davvero", spiega ancora. "Speriamo ci sia saggezza stavolta e non demagogia", conclude.

Coprifuoco, ipotesi 21

"Se dopo le 18 abbiamo detto che si chiudono le attività non necessarie, allora dopo le 18 non bisogna più stare in giro o fare cene con non conviventi", avrebbe detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, secondo cui "probabilmente faremo una serie di stop&go che non sono contraddizioni ma la naturale gestione di una pandemia". E in effetti una delle ipotesi in campo sarebbe proprio quella di un coprifuoco alle 18, oltre allo stop agli sportelli per le scommesse in bar e tabaccherie.

Ma il governo cerca di arrivare ad un compromesso sul coprifuoco. La novità sarebbe quella di estendere il coprifuoco alle 21 a tutta Italia. Anche se il Cts non sarebbe d'accordo, preferendo invece le 18 per tutto il Paese.

Città e zone a rischio lockdown

Tra le ipotesi è emersa ieri quella di un lockdown dove l’indice di trasmissione Rt è andato oltre l’1,5. Nel mirino ci sono le aree metropolitane di Milano, Napoli, Genova e Torino, parte del Veneto e alcune regioni meridionali, come la Campania. La durata di questo lockdown sarebbe all’inizio di 2-3 settimane. (Dove sarà il lockdown: ecco città e Regioni a rischio). Questo sempre che non venga accolta la richiesta delle Regioni di applicare "misure uniformi". 

Spostamenti tra Regioni

Gli spostamenti fra le Regioni sarebbero, secondo le ipotesi più discusse, dettate dalla chiusura o meno delle singole zone. Ci si potrebbe spostare in alcune parti del paese e in altre no, a seconda se classificate come ’rosse’ o in sicurezza

Scuole chiuse, le ipotesi

Un punto assai delicato e oggetto di molte discussioni, con la ministro Azzolina in prima linea, riguarda la scuola e, in particolare, la Dad, la Didattica a distanza. Tra le possibilità, quella di mantenere la presenza nella aule degli istituti per i ragazzi sino alla seconda media. A distanza gli altri.

Negozi e centri commerciali

Sulla chiusura delle attività commerciali c’è ancora un punto interrogativo. L'ultima ipotesi emersa dalla riunione con gli enti locali è quella di una chiusura dei centri commerciali e delle macchinette da gioco nelle tabaccherie. La misura potrebbe essere applicata solo nel fine settimana e sarebbe stata chiesta direttamente dai sindaci per voce del presidente dell'Anci, Antonio Decaro. Per quanto riguarda i negozi, si è fermi a ieri quando l'idea era quella di tenerli aperti nelle aree con meno contagi

Attività produttive

Altro nodo difficile da sciogliere riguarda le aziende e le attività industriali. Anche in questo caso l’orientamento di Palazzo Chigi sarebbe di limitare il più possibile il rallentamento dell’attività industriale, ma molto dipenderà dalle zone considerate a rischio.

Coprifuoco e stop ristoranti in zone a rischio

Al veglio l'ipotesi di bar e ristoranti chiusi anche a pranzo nelle regioni con tasso di contagi a rischio: Lombardia, Piemonte e Calabria. Queste zone avrebbero coprifuoco alle 18, con chiusura delle attività commerciali e per la cura alla persona, salvo farmacie, parafarmacie e alimentari. Lo riferiscono fonti della maggioranza. Chiusure anche per musei e stop ai distributori automatici. Smart working nella Pubblica amministrazione, salvo i servizi pubblici essenziali. 

DAD anche alla seconda e terza media

Sempre per le aree più a rischio, individuate sulla base dell'indice dei contagi, prende piede l'idea di estendere la didattica a distanza anche alla seconda e terza media, con obbligo di mascherina sempre per le lezioni in presenza, cioè alle elementari e in prima media, si apprende sempre da fonti di maggioranza.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?