Quotidiano Nazionale logo
quotidiano nazionale
1 nov 2020

Nuovo Dpcm, Conte accelera. Ecco città e regioni a rischio lockdown

Vertice del premier con i responsabili sanitari e politici. Lunedì altro Dpcm e poi il premier in giornata parlerà alle Camere. Spostamenti tra regioni, limitazioni in arrivo

1 nov 2020
alessandro farruggia
Cronaca
Il premier Giuseppe Conte, 56 anni, ieri a Palazzo Chigi ha incontrato. i capidelegazione della maggioranza
Il premier Giuseppe Conte, 56 anni, ieri a Palazzo Chigi ha incontrato. i capidelegazione della maggioranza
Il premier Giuseppe Conte, 56 anni, ieri a Palazzo Chigi ha incontrato. i capidelegazione della maggioranza
Il premier Giuseppe Conte, 56 anni, ieri a Palazzo Chigi ha incontrato. i capidelegazione della maggioranza
Il premier Giuseppe Conte, 56 anni, ieri a Palazzo Chigi ha incontrato. i capidelegazione della maggioranza
Il premier Giuseppe Conte, 56 anni, ieri a Palazzo Chigi ha incontrato. i capidelegazione della maggioranza

Il dado è tratto. Dopo giorni di rinvii il governo ha capito che le mezze misure e gli scaricabarile negli enti locali rischiano solo di aggravare la situazione, e si è deciso a una nuova stretta. Si va verso un lockdown a macchia di leopardo, per due-quattro settimane, ma palazzo Chigi prende un altro giorno per mediare con le regioni e i sindaci, forse con le opposizioni, perché il tentativo è quello di arrivare a scelte condivise. Il nuovo Dpcm sarà redatto in articolato entro domani  (lunedì), quando Giuseppe Conte lo illustrerà in Parlamento. Nuovo Dpcm, alcune Regioni chiedono limitare gli spostamenti degli over 70 Ieri a palazzo Chigi si è svolta una riunione tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e i capidelegazione, allargata anche a Silvio Brusaferro, presidente dell’Ist, a Franco Locatelli, presidente del Css, ad Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, e al commissario straordinario Domenico Arcuri. Gli esperti hanno ribadito che "per cercare di evitare un lockdown totale è necessario introdurre subito nuove restrizioni nei territori più colpiti". Il ministro Speranza ha quindi chiesto al Cts di fornire al governo entro ieri notte "indicazioni specifiche su territori che necessitano di ulteriori misure restrittive". L’orientamento è prevedere solo lì chiusure di bar e ristoranti, negozi non essenziali, dei centri commerciali (almeno nei fine settimana), limitare gli spostamenti a soli motivi di lavoro, acquisto di beni necessari, salute e urgenza, effettuare la didattica in presenza fino alla seconda media (a meno che i governatori non decidano misure più restrittive). L’esecutivo starebbe valutando anche di rilanciare gli "hotel Covid", dove ospitare i positivi che, altrimenti, rischiano di contagiare i familiari. Probabile anche una limitazione degli spostamenti tra regioni, intesi come movimenti non essenziali. Un’ ipotesi radicale è chiudere a tutte le regioni con indice Rt sopra 1,5. E quindi Piemonte, Lombardia, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?