23 gen 2022

Covid, nuove regole per i viaggi in Europa. Addio sistema a semaforo: cosa cambia

Il Green pass diventa centrale, il test antigenico per i non vaccinati dovrà essere eseguito entro 24 ore prima e non più 48

featured image
La mappa Ecdc dell'Europa

Bruxelles, 23 gennaio 2022  - Pronta la svolta con nuove regole Covid per i viaggi all'interno della Ue. Bruxelles sta per alleggerire (o meglio modificare) le restrizioni, lanciando un nuovo modello di gestione della pandemia per gli spostamenti che elimini l'approccio dell' "area geografica di provenienza dei viaggiatori". Questo significa il superamento del sistema delle mappe di contagio che resteranno "solo a livello informativo".

Covid, il bollettino del 24 gennaio: contagi in Italia

Zona arancione: cosa cambia da oggi dal Piemonte alla Sicilia

Niente più 'colori' delle regioni europee quindi come discriminante, addio al sistema a semaforo dei contagi: le restrizioni saranno legate alla situazione del viaggiatore indipendentemente dall'area di arrivo. E quindi vaccinazione, guarigione o test (sempre 72 ore per i molecolari, 24 e non più 48 per gli antigenici). In poche parole sarà il Green pass, la cui validità resta a 9 mesi, a giocare un ruolo centrale. Da capire, per ora siamo in fase di bozza, se verrà richiesta anche la dose booster e se a una determinata distanza dalla seconda dose sarà necessario esibire comunque un tampone negativo (o addirittura essere sottoposti alla quarantena). Alle regole attuali il suggerimento era quello di non sottoporre a test o quarantena coloro che avevano ricevuto "l'ultima dose raccomandata di vaccino contro la COVID-19 almeno 14 giorni prima dell'arrivo". 

Oms: La fine della pandemia? Plausibile dopo la variante Omicron

Fino a oggi la Ue chiedeva innanzitutto di scoraggiare spostamenti da e verso le zone rosso scuro. Raccomandava di imporre ai viaggiatori provenienti da tali areem oltre al certificato di test negativo, anche un periodo di quarantena/isolamento.  Per chi arrivava dalle zone arancioni o rosse si consigliava di richiedere un test negativo. Il suggerimento della Ue era quello di non sottoporre i viaggiatori vaccinati a tali restrizioni. Ora il sistema cromatico potrebbe sparire, lasciando solo la distinzione tra chi possiede un Green pass europeo valido e chi no. Fermo restando che i singoli Paesi potranno inserire norme 'speciali', ovvero misure aggiuntive all'ingresso o in uscita. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?