Non ci fu alcuna evasione fiscale, nessun illecito. Finisce così la vicenda giudiziaria che coinvolgeva il cantante Gigi D’Alessio (foto), accusato di avere frodato il fisco per circa 1,7 milioni di euro. Lo ha stabilito il giudice monocratico di Roma che ha fatto cadere le accuse per l’artista ed altre quattro persone con la formula "perché il fatto non sussiste". Il processo nasce da un’inchiesta del 2015 dei pm capitolini per un’evasione fiscale legata al mancato versamento di Iva e Ires. I fatti risalgono al 2010. Insieme a D’Alessio erano finiti a processo un socio del cantante napoletano e tre legali rappresentanti che negli anni si erano avvicendati nella Ggd Productions srl, società riconducibile a D’Alessio nei cui confronti la Procura aveva sollecitato una condanna a 4 anni per l’accusa di occultamento delle scritture contabili. Nel corso della requisitoria il rappresentante dell’accusa aveva chiesto il non doversi procedere per intervenuta prescrizione in relazione a due capi di accusa. "Finalmente la giustizia ha fatto il suo corso", ha commentato il cantante aggiungendo che per lui oggi "è un giorno felice".