Anna

Bogoni

Diciamolo una volta per tutte. No, ricomincio da capo. Diciamolo ancora una volta: avere a che fare con il denaro a noi donne non fa orrore, non ci toglie né bellezza né fascino e neppure l’appetito. Al bar, in pizzeria così come al ristorante stellato, leggere che "La tagliata in crosta di nocciola su sfogliatelle di patate" costa 18 euro non ci mette in imbarazzo. E non ci rovina la serata sapere l’ammontare del conto della cena che ci viene offerta. Anche perché, talvolta la carta di credito che passa nel Pos dopo il caffè è proprio la nostra. Siamo nel 2021 e capita (ma capita solo a me e alle mie amiche?) di offrire ad amici, fidanzati, amanti, mariti. O che si faccia alla romana, senza imbarazzi di sorta. Eppure certi ristoranti (forse anche certi uomini?) pensano che il menu di cortesia proposto alle signore con i costi delle portate in bianco, sia una forma di galateo.

Mi spiace, occorre aggiornarsi, oggi è politically incorrect, anche perché non stiamo parlando di mostrare lo scontrino del regalo di compleanno, suvvia quello teniamolo segreto. Onore dunque al merito ad Agustina Gandolfo, a cena con il marito, il calciatore interista Lautaro Martinez, in galleria Vittorio Emanuele a Milano, esplosa sui social: "E se volessi pagare io? Sono indignata!".

P.s. Con il denaro ci abbiamo a che fare tutti i giorni, se si parla di divario retributivo di genere e di far quadrare i conti del bilancio familiare… quello sì, a volte ci fa passare un po’ la fame.