4 gen 2022

"Noi ucraini non siamo ladri" Kiev stronca la serie Netflix

Protesta ufficiale del governo contro gli stereotipi contenuti in ’Emily in Paris’. A irritare il personaggio di Petra (che incita a rubare): "All’estero ci vedete così?"

La protagonista di Emily in Paris. , Lily Collins, 32 anni, con Daria Panchenko, 31 anni
La protagonista di Emily in Paris. , Lily Collins, 32 anni, con Daria Panchenko, 31 anni
La protagonista di Emily in Paris. , Lily Collins, 32 anni, con Daria Panchenko, 31 anni

Nel pieno di una crisi senza precedenti, con la Russia che assedia il confine orientale, gli Stati Uniti che minacciano "risposte risolute" in caso di invasione e l’Europa che spinge per una soluzione politica, il ministro della cultura di Kiev invia una protesta ufficiale a Netflix, accusando il colosso della tv via internet di aver rappresentato una immagine negativa dell’Ucraina nella famosa serie televisiva Emily in Paris. Non è la prima volta che la serie, una commedia romantica creata da Darren Star (autore di Sex and the city), di cui Netflix ha appena diffuso la seconda stagione, attira critiche per il suo uso disinvolto di stereotipi e cliché. L’anno scorso, infatti, era scoppiata la polemica sulla rappresentazione di parigini e londinesi: la serie tv, infatti, narra le vicende di una giovane americana inserita nel mondo della moda a Parigi. Stavolta, a far arrabbiare il ministro della cultura ucraino, Oleksandr Tkachenko, è stato il personaggio di Petra, una donna di Kiev che trascina la protagonista, interpretata da Lily Collins, a rubare vestiti e borse in un grande magazzino della capitale francese. Il personaggio, interpretato dall’attrice Daria Panchenko, ha inoltre poco gusto nel vestire e il costante terrore di essere espulsa. Un ritratto che il ministro Tkachenko ha definito "un’immagine caricaturale e offensiva. È così che vengono visti gli ucraini all’estero?", ha scritto su Telegram. E ha inviato una lettera di protesta a Netflix. Nella prima stagione a suscitare irritazione erano stati i ritratti di Parigi e dei francesi, descritti come maleducati, pessimisti, sciatti, traditori e sempre con il baschetto. Nella seconda, oltre a Petra, spicca il personaggio di Alfie, un giovane di Londra che lavora in banca e passa il suo tempo libero a guardare partite di calcio e bere birra al pub. Darren Star si è difeso dicendo al New ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?