La spiaggia di Rimini (foto Pasquale Bove)
La spiaggia di Rimini (foto Pasquale Bove)

Rimini, 21 maggio 2019 - "Non andate in vacanza a Rimini, finché non saranno revocate le multe contro chi non vaccina i figli". È una vera e propria guerra in Rete, attraverso i social e mail-bombing a migliaia di persone, quella avviata dalle famiglie contrarie all’obbligo vaccinale. A scatenare la battaglia è stato, per primo, il coordinamento dei genitori per la libertà di scelta dei vaccini del Trentino Alto Adige. Non è un caso: Bolzano ha il più basso tasso di copertura vaccinale in Italia. "Ma i gruppi di altre regioni si stanno unendo alla nostra iniziativa", assicurano i promotori della campagna. Un boicottaggio in piena regola, scatenato dal nuovo regolamento approvato dal consiglio comunale di Rimini, che rende permanenti le multe (50 euro al giorno, per ogni giorno in cui i bambini di nidi materne vanno a scuole) per le famiglie che non vaccinano i figli. Alcune mail sono arrivate direttamente a titolari di hotel e all’Aia, l’associazione albergatori. "Qualcuno, per remarci contro, sui social ha anche tirato fuori vecchi filmati di quando venivano aperti gli scarichi a mare", rivela il presidente dell’Aia riminese Patrizia Rinaldis. Che però non sembra troppo preoccupata per questa campagna di boicottaggio. "Ma ci ci scrivono anche tanti altri turisti, per ringraziarci dell’attenzione di Rimini su un tema importante come la salute pubblica". Ai no vax il sindaco Andrea Gnassi, che è stato anche minacciato di morte (sui social) da alcuni di loro, replica senza sconti: "Per noi è meglio così. I no vax lo dicessero a più non posso che non verranno più a Rimini. Così il 99% della gente saprà che la nostra città è un posto sicuro. Non baratteremo mai la salute di tutti per colpa del ricatto di pochi. Vogliamo che i turisti siano consapevoli che a Rimini non ci sono epidemie". 

di MANULE SPADAZZI

Il commento - di Marcella Cocchi

Provate pure a boicottarla. Tanto lei trasformerà l’altolà in benvenuto. Ne hanno viste così tante, al largo dei bastioni di Rimini, che l’ammutinamento dei no vax svanirà in una nebbia alla ‘Amarcord’: "Dov’è che sono...". Durerà giusto il tempo di una polemica di inizio estate, che più si ingrossa sui media, più porterà turisti. È la legge dell’ombrellone più libertina dei libertini di Pier Vittorio Tondelli. È l’estro romagnolo, capace di far sembrare tutto il poco. E viceversa, a seconda della convenienza.

Il boicottaggio che risvegliò l’epica di un turismo da difendere come in trincea fu nell’anno della mucillagine che rischiò di mandare all’aria il modello Rimini, al punto che Primo Grassi, il fondatore del turismo moderno, affrontò la ‘peste’ delle alghe bevendosi davanti ai fotografi di mezzo mondo un bicchier d’acqua di mare. Era il 1989. La mucillagine passò, ma non quell’immagine di sfida e resistenza che in Riviera ha fatto miracoli, nonostante un mare non propriamente da Maldive. Quegli anticorpi inoculati sugli oltre 90 chilometri di spiagge romagnole grazie al ‘siero’ di Grassi hanno rafforzato la convinzione che nulla, dopo l’orrida spuma, avrebbe potuto impaurire i bagnini. Racconta Luca Goldoni che fu proprio negli anni dell’inquinamento da mucillagine che gli albergatori romagnoli estrassero un’altra trovata dal cilindro: "Si misero a fare piscine in spazi improbabili... ne nacquero di minuscole a forma di elle, di esse, di doppiavu... e spuntarono insegne di questo tipo: Pensione Patrizia - swimming pool". Del resto i veti, gli inciampi, possono poco contro una città che è sempre stata capace di adattarsi alle novità, tanto che dal divertimentificio delle discoteche sembra diventata la capitale delle spiagge ecosostenibili, con l’ordinanza anti sigarette e plastica. Questo per restare al presente.

Ma se invece si attinge alla storia della città malatestiana, forse il personaggio più grande di tutti fu Paolo Mantegazza, medico e bon vivant che nel 1873 fece un miracolo. Gli stabilimenti balneari stavano fallendo, ma lui riuscì a diffondere la notizia inventata che le acque del mare di Rimini avevano il potere "di una specie di viagra ante litteram" (copyright il compianto cronista del Carlino, Silvano Cardellini). E allora via, un nuovo giro di valzer, l’epoca del Kursaal, le mille luci del Gran Hotel e della Rimini borghese. La riviera nelle cui acque nuotava il Duce ma anche, molti anni dopo, quella del sindaco comunista Walter Ceccaroni che fece di Rimini la capitale delle pensioni familiari e del turismo di massa. I no vax se ne facciano una ragione. Nessun problema, nemmeno la notte di Italia ‘90, con la più grande rissa a Riccione che il calcio ricordi (50 feriti, 280 tifosi espulsi), può fermare la camaleontica industria turistica della città di Fellini. Altroché nebbia, i riminesi ci vedono benissimo. E quando furono i Bernacca 2.0, nel 2014, a pestare i piedi ai bagnini con previsioni di pioggia sballate, partì dalle spiagge e dagli hotel la protesta contro il meteo sbagliato: "Ci vogliono danneggiare per mandare i turisti altrove. Questo è terrorismo". Piovono boicottaggi? Una nuova invenzione li seppellirà.