No green pass, la manifestazione a Roma (Ansa)
No green pass, la manifestazione a Roma (Ansa)

Roma, 14 ottobre 2021 - Si profila un venerdì nero. Domani scatta l'obbligo di green pass per i lavoratori (qui come funzioneranno i controlli). E, dopo la manifestazione di Roma, che si è trasformata in una vera e propria guerriglia urbana, il Viminale fa scattare l'allerta: "Non si può escludere" che domani sia "il pretesto per un ulteriore inasprimento dei toni" della protesta, con "azioni" verso "obiettivi esposti a rischio" e con "possibili episodi di contrapposizione tra gruppi aderenti a opposti estremismi". E' quanto si legge in una circolare del dipartimento di Pubblica sicurezza, a firma del capo della Polizia Lamberto Giannini.

Nelle prossime ore potrebbero verificarsi iniziative contro il certificato verde davanti a "ingressi aziendali" e "presso aeroporti, porti, punti di snodo stradale, autostradale e ferroviari, finalizzati a creare disagi con possibile intralcio alla regolarità dei servizi e delle attività produttive", scrive il Dipartimento di Pubblica Sicurezza. E quindi a prefetti e questori si chiede, "in un quadro di necessario rigore", di mettere in campo dispositivi per garantire tutte le manifestazioni "nel rispetto delle norme e delle prescrizioni, così da scongiurare turbative e assicurare il mantenimento dell'ordine pubblico". Nella circolare si richiama, inoltre, la precedente nota inviata ai questori, subito dopo gli scontri avvenuti sabato a Roma, con la quale si chiedeva di innalzare le "misure di vigilanza e sicurezza" a tutti i siti e gli obiettivi sensibili, per "garantire adeguata tutela preventiva ma anche a contrastare efficacemente eventuali condotte illecite".

Assalto Cgil Roma, gli arrestati davanti al gip: "Corteo autorizzato dalla polizia"

Insomma, quella di domani sarà il primo banco di prova per le nuove regole di ingaggio dei servizi di ordine pubblico, decise ieri dal Comitato nazionale ordine e sicurezza dopo gli errori di sabato scorso a Roma. Ad alzare le barricate contro il lasciapassare sono soprattutto i portuali di Trieste, dove il 40% dei 950 dipendenti non è vaccinato, mentre 'Trasportounità' annuncia che "mancheranno all'appello circa 80mila conducenti dei camion e altri mezzi distribuiti su 98.000 imprese".

Trieste, cosa succede se lo scalo si ferma

Ma le criticità si profilano anche sul fronte dei trasporti pubblici (qui le regole: i chiarimenti del Ministero), dove tra i dipendenti la percentuale di non vaccinati va dal 10% al 20%. A Milano, oltre ai 272 lavoratori del settore che hanno dichiarato la loro non disponibilità a rispettare l'obbligo di presentazione del certificato verde, l'azienda locale del Tpl ha registrato un aumento del 15% di personale in malattia. Stesso tipo di cifre, ferie comprese, del 10-12% a Roma: nella Capitale Atac per prevenire eventuali problemi al servizio monitorerà i picchi di assenteismo. A Verona e Genova invece si prevede il 10% di assenze. Messi di fronte alla prova del Green pass molti impiegati hanno quindi scelto la 'protesta passiva': disertare per problemi di salute.

Allarme porti, in bilico trasporti e alimentari

Il rischio di una falsa partenza, oltre alle diserzioni, è aggravato anche delle manifestazioni in diverse città: la più importante è a Roma, dove il luogo del sit-in dei 'No Pass', già spostato due volte dalla Questura, è previsto al Circo Massimo, e con una schieramento di 1000 agenti.

Nella cabina di regia riunita oggi e presieduta dal premier Mario Draghi non si è discusso del Green pass, ma sul tema la linea di Palazzo Chigi sembra ferreaa: sebbene si valuti di rafforzare gli aiuti alle aziende che pagano i test ai dipendenti, non è previsto nessuno slittamento dell'entrata in vigore dell'obbligo del certificato verde. Si parte domani.