FERRARA È stato sospeso dal servizio il professor Stefano Gargioni (foto), il dirigente scolastico dell’istituto Perlasca di Ferrara che aveva associato il Green pass ad Auschwitz. Nei confronti del preside è stato avviato un procedimento disciplinare per questo episodio ma non solo: il ministero dell’Istruzione...

FERRARA

È stato sospeso dal servizio il professor Stefano Gargioni (foto), il dirigente scolastico dell’istituto Perlasca di Ferrara che aveva associato il Green pass ad Auschwitz. Nei confronti del preside è stato avviato un procedimento disciplinare per questo episodio ma non solo: il ministero dell’Istruzione ha già provveduto inoltre alla contestazione al dirigente di altre affermazioni connesse alla gestione dei controlli per il contenimento della diffusione del Covid-19. E’ quanto si apprende da fonti del ministero dell’Istruzione. Il dirigente scolastico aveva pubblicato su Facebook un fotomontaggio in cui si rievocava Auschwitz accompagnato dalla scritta “Il Green pass rende liberi”.

L’episodio era stato condannato dall’Anpi, dal Pd, dai sindacati e dal consiglio di istituto dello stesso Istituto ferrarese. Anche i dirigenti scolastici ferraresi ("non possiamo accettare di essere accomunati a tali espressioni anche solo per il nostro silenzio. È un errore che non ammette scusanti e vogliamo dirlo con chiarezza") e l’associazione dei presidi dell’Emilia Romagna aveva stigmatizzato il post chiedendo un intervento delle amministrazioni scolastiche.

"Ci sono battaglie che vale sempre la pena fare. Sia benedetto il ricordo di coloro che furono gasati in quel campo o di coloro che furono gasati in quel campo" ha scritto sui social Emanuele Fiano, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera, che aveva annunciato un’interrogazione insieme al collega Luca Rizzo Nervo per chiedere di estromettere dall’insegnamento e dalla direzione scolastica il preside di Ferrara.