22 apr 2022

Niente russi sull’erba di Wimbledon I grandi del tennis in rivolta: è follia

Dal no vax Djokovic al ribelle Panatta, il coro contro la stretta inglese. "È sbagliato punire i singoli". L’appello della campionessa ucraina Svitolina: facciamo partecipare al torneo solo chi condanna Putin

leo
Cronaca
Daniil Medvedev, moscovita di 26 anni, è al secondo posto della classifica Atp
Daniil Medvedev, moscovita di 26 anni, è al secondo posto della classifica Atp
Daniil Medvedev, moscovita di 26 anni, è al secondo posto della classifica Atp

di Leo Turrini Sempre lì torniamo. Alla eterna sovrapposizione, che poi diventa contrapposizione, tra sport e politica. Tra campioni e governi. Tra errori sul campo e orrori di guerra. In breve. Fa discutere (e ci mancherebbe altro!) la decisione degli organizzatori del torneo di Wimbledon, il più prestigioso appuntamento tennistico, di escludere dalla lista dei partecipanti quanti siano cittadini provenienti dalla Russia e della Bielorussia. Una scelta non inattesa, ma nemmeno inevitabile. Una decisione che estende anche ai singoli le misure già adottate, a livello globale, nei confronti delle squadre nazionali di Mosca e di Minsk. Per intenderci, la Russia è già stata buttata fuori dai campionati mondiali di calcio che si svolgeranno in Qatar, così come le è stata sottratta l’organizzazione dei Mondiali di pallavolo. Ma i singoli, gli individui? "Non è giusto punirli", ha spiegato ad esempio Adriano Panatta, l’eroe azzurro di una Coppa Davis vinta indossando una maglietta rossa nella Santiago di un Cile massacrato dal dittatore Pinochet: "Le colpe dei padri non debbono essere pagate dai figli", ha commentato Adriano nostro. E il serbo Novak Djokovic, numero uno del mondo della racchetta e già protagonista della penosa telenovela vaccinale, ha aggiunto: "Io sono un figlio della guerra, sono cresciuto nella ex Jugoslavia dilaniata dai conflitti. Non c’entravo niente, come non c’entrano niente oggi i miei colleghi e le mie colleghe che hanno in tasca il passaporto russo". Ora, se siete arrivati fin qui facciamo una breve pausa, intesa come omaggio alla ipocrisia. Appena due mesi, all’inizio della tragedia Ucraina, la Formula Uno ha deliberato di mettere a piedi tale Nikita Mazepin, pilota russo della scuderia americana Haas. Poiché costui non è esattamente un campione – cioè non è paragonabile a Daniil Medvedev e a Andrej Rublev con la racchetta in mano –, ecco, nessuno ha detto una parola. E qualcuno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?