Mercoledì 17 Luglio 2024

Neonata morta in culla Ferite e scottature sul corpo L’ombra delle sevizie

Segni di ecchimosi sulla piccola di un mese e mezzo, domani l’autopsia. I genitori interrogati dai carabinieri: sequestrati i cellulari della coppia.

Scottature ed ecchimosi varie sul corpo di una bimba di circa un mese e mezzo morta in un’abitazione di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta. Un giallo, una brutta storia sulla quale indagano i carabinieri intervenuti in seguito alla richiesta dei sanitari del 118, hanno constatato le ferite sulla neonata. Il magistrato della Procura di Santa Maria Capua Vetere ha aperto un fascicolo e disposto l’autopsia, che dovrebbe tenersi domani. I militari hanno ascoltato i genitori della piccola: la loro versione dei fatti sarà oggetto di verifiche. E per cercare di capirci di più su quanto accaduto, i carabinieri hanno sequestrato i cellulari dei due coniugi, lei di 19 anni, lui di 26. La coppia ha già due figli di pochi anni.

A pochi chilometri di distanza, sempre nel Casertano, un’altra bimba è morta nella sua culla nella stessa giornata. Ma, in questo caso, la situazione appare già chiara: per la piccola di un anno e mezzo trovata senza vita dalla mamma si ipotizza un decesso provocato probabilmente da un rigurgito notturno. Inutili i tentativi di rianimazione effettuati dai sanitari del 118. Entrambe le salme delle piccole si trovano comunque all’Istituto di Medicina legale dell’ospedale di Caserta per fare chiarezza sul loro decesso. In riferimento a quanto accaduto a Santa Maria a Vico, con la scoperta di ecchimosi e scottature sul corpicino della piccola, torna subito alla mente quanto accaduto a Portici, il 16 marzo 2021 quando un bambino fu trovato in fin di vita 4 giorni dopo la nascita con segni di ustioni sul corpo.

La Corte di Appello ha inasprito le pene – da 6 a 9 anni di reclusione – per Concetto Bocchetti, 49 anni e per la ex compagna Alessandra Terracciano, di 39 anni, condannati per le sofferenze inflitte al piccolo.