30 apr 2022

"Nell’acciaieria è una catastrofe" Kiev prepara l’evacuazione dei civili

Oltre 600 feriti ancora nell’ospedale da campo dell’impianto. Il comandante Azov: "Non ci arrenderemo"

marco principini
Cronaca
Un gruppo di cittadini, insieme ai membri del servizio di emergenza ucraino, spingono un’auto danneggiata dopo un recente attacco missilistico russo, a Zaporizhzhia
Un gruppo di cittadini, insieme ai membri del servizio di emergenza ucraino, spingono un’auto danneggiata dopo un recente attacco missilistico russo, a Zaporizhzhia
Un gruppo di cittadini, insieme ai membri del servizio di emergenza ucraino, spingono un’auto danneggiata dopo un recente attacco missilistico russo, a Zaporizhzhia

di Marco Principini

Nei bunker e nei tunnel dell’Azovstal oramai si è persa la cognizione del tempo. Sui volti delle centinaia di civili intrappolati sotto l’acciaieria il pallore dei 65 giorni passati sotto assedio e senza mai vedere la luce del sole, e l’angoscia per quella che si sta trasformando in una lenta e lunga agonia.

Come lunga, lunghissima è l’attesa delle ultime ore in cui da Kiev sono arrivati segnali che fanno sperare in una svolta, nella fine dell’incubo. Ad alimentare questa speranza lo staff del presidente Volodymyr Zelensky che, il giorno dopo la visita nella capitale del segretario generale dell’Onu Antonio Gueterres, ha parlato di un’imminente operazione per evacuare anziani, donne, bambini, famiglie oramai allo stremo, con le scorte di cibo e di acqua quasi agli sgoccioli. Anche se col passare del tempo tutto tace, col timore che si sia trattato dell’ennesimo annuncio rimasto lettera morta, come per i tanti corridoi umanitari che a Mariupol non sono mai stati aperti. Neanche i capi della resistenza asserragliati nei sotterranei dell’impianto dicono di conoscere i dettagli del presunto piano di evacuazione, facendo solo riferimento ad una missione partita dalla capitale e che sarebbe arrivata per ora nella vicina Zaporizhzhia.

Anche se in serata, secondo quanto riportato dalla tv di stato di Mosca, Rossiya 24, la famiglia di tre persone di un addetto all’impianto sarebbe riuscita a riemergere dall’impianto e riconquistare la libertà. A spegnere gli entusiasmi, però, anche la notizia che i soldati russi avrebbero nuovamente chiuso un’area di Mariupol a nord dell’acciaieria, mossa che lascerebbe presagire un nuovo massiccio attacco. Questo almeno è il timore di Petro Andrushchenko, consigliere del sindaco della città martire di questa guerra, completamente rasa al suolo e che l’Alto commissario per gli affari esteri Josep Borrell ha definito una nuova Aleppo, "l’Aleppo d’Europa".

Informazioni contrastanti, dunque, mentre si leva ancora una volta il grido di dolore del maggiore Serhiy Volyna, comandante della 36esima Brigata dei Marines ucraini: "Qui ad Azovstal ormai è più di una catastrofe umanitaria", con l’ultimo attacco russo all’ospedale da campo dell’acciaieria che ha portato a 600 il numero dei feriti, senza la possibilità di poterli trattare adeguatamente. "Le sale operatorie e tutto quello che serve per gli interventi chirurgici è stato distrutto, e abbiamo un disperato bisogno di medicinali", ha raccontato alla Cnn. Mentre per uno dei capi della Brigata d’Azov, Sviatoslav Palamar, i russi non avrebbero mai smesso di tentare di penetrare nell’area dove si trovano ancora circa duemila soldati ucraini.

Intanto, dopo i missili russi lanciati su Kiev durante la visita di Guterres, le autorità cittadine hanno invitato donne e bambini fuggiti dalla capitale nelle scorse settimane a non tornare, visto il livello di allarme di nuovo elevatissimo. Le forze ucraine nel frattempo hanno bombardato un checkpoint di frontiera nella regione russa di Kursk, nel distretto di Rylsky, in quella che appare come una sorta di ritorsione. Un’azione che rischia però di provocare un’ulteriore escalation del conflitto, così come i missili verso l’Ucraina per la prima volta lanciati da un sottomarino russo in azione nelle acque del Mar Nero.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?